Buone notizie per tutti gli appassionati di fumetti. Vi sono, infatti, alcuni pezzi che ad oggi valgono una vera e propria fortuna. Entriamo nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

Inutile negarlo, tutti quanti abbiamo in casa degli oggetti in grado di ricordare alcuni dei momenti più belli di quando eravamo bambini. A partire dalle macchinine, passando per le bambole, fino ad arrivare ai peluche e a vecchi palloni, d’altronde, vi è davvero l’imbarazzo della scelta. Molti di questi oggetti li abbiamo buttati, altri invece, continuano ad essere conservati, quasi come fossero un tesoro da custodire con cura.

Ma non sono, alcune delle passioni di quando si era bambini continuano a rivestire un ruolo importante anche una volta adulti. Basti pensare alle varie collezioni di giocattoli vintage, appassionati di vecchie consolle oppure cd in vinile. Proprio in questo contesto non possiamo non annoverare i fumetti. Da sempre in grado di ammaliare sia grandi che piccini, dovete sapere che vi sono alcuni pezzi che ad oggi valgono una vera e propria fortuna. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

LEGGI ANCHE >>> Se hai uno di questi vecchi cellulari puoi guadagnare cifre da capogiro

3 milioni di dollari per un fumetto: quali sono i 10 più costosi al mondo

Tutti quanti abbiamo in casa dei vecchi giochi, libri o fumetti che ci ricordano alcuni dei momenti più belli della nostra vita. Oltre ad un valore affettivo, bisogna sapere che in alcuni casi, se ben conservati, offrono la possibilità di poter guadagnare anche un bel po’ di soldi. Ne sono un chiaro esempio alcuni vecchi fumetti, che ad oggi valgono davvero una fortuna. Ma di quali si tratta? Ebbene, entriamo nei dettagli e vediamo quali sono alcuni dei pezzi più rari e costosi al mondo.

More Fun Comics #52

Risalente al 1940, la collana edita da National Allied Pubblications è nota per esser la prima rivista di fumetti americani a pubblicare solo materiale originale. Qui sono presenti personaggi molto amati, come Green Arrow, Doctor Fate e Aquaman. Nel numero di febbraio vi è anche Lo Spettro. Venduto all’epoca per solo dieci centesimi, ad oggi il suo valore è pari a 250 mila dollari.