Oggi è una giornata fondamentale per quel che riguarda il tema del reddito di cittadinanza. Ma ecco qual è il motivo.

reddito di cittadinanza
Reddito di cittadinanza (Fonte: Pixabay)

Il reddito di cittadinanza è una misura di bonus e di sussidio che si sta rivelando fondamentale e molto importante in un periodo di grande complessità e difficoltà dal punto di vista economico come quello che si sta vivendo da circa un anno a causa della pandemia da Covid-19.

Ed ecco che, come in molti già sapranno, quella di oggi 25 marzo è una data attorno a cui ruotano tante cose. Ma qual è il motivo di tutto questo? Il tutto  davvero molto semplice e scontato. Infatti nella serata odierna dovrebbero partire le disposizioni di pagamento per chi ne usufruisce. Giusto però spiegare ancor di più nel dettaglio e nello specifico per far capire la situazione.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza: possono toglierlo quando vogliono

Reddito di cittadinanza, oggi giornata clou: ecco il motivo

(Fonte: Pixabay)

Insomma, un meccanismo che dovrebbe prendere il via nella serata di oggi e completarsi entro fine mese. Ma a chi spetteranno gli accrediti di Poste Italiane? Anche sotto quest’aspetto occorre fare chiarezza. Al di là delle infinite polemiche che hanno fin dal principio riguardato questa misura, va detto che a non usufruirne sarà chi ha terminato i 18 mesi del beneficio e dovrà presentare una domanda di rinnovo.  Escluso però anche chi non ha un Isee aggiornato. Insomma, certi aspetti e certe regole sono comunque molto precise e dettagliate.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza, occhio alle novità: cosa prevede il Decreto Sostegni

Per concludere e chiudere questa ragionamento si può dire che il pagamento del reddito del cittadinanza ha in realtà preso il via il 15 marzo del 2021. Questo è avvenuto per chi doveva ricevere il primo accredito o i primo versamento dopo la già spiegata scadenza dei fatidici 18 mesi. Per gli altri c’è comunque un anticipo rispetto al solito 27 del mese. Tutto è comunque legato al fatto che il 27 marzo sarà un sabato. Insomma, per chi usufruisce di questo bonus e sussidio sta arrivando un po’ di respiro in un momento così complesso.