A causa dell’impatto del coronavirus ci si ritrova a dover fare i conti con delle restrizioni che finiscono per influenzare anche il gioco d’azzardo. Entriamo nei dettagli e vediamo come.

gioco d'azzardo
Fonte: Pixabay

Tra bollette da pagare e spese varie da dover sostenere, sono davvero tante le occasioni in cui siamo costretti a mettere mano al portafoglio. Proprio per questo motivo può spesso capitare di sperare di ottenere un bel po’ di soldi senza fatica, ad esempio tentando la fortuna con uno dei tanti giochi disponibili. A partire dai gratta e vinci, passando per il lotto, fino ad arrivare alle scommesse sportive e ai giochi online, d’altronde, abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta.

In alcuni casi, però, può capitare di farsi prendere un po’ troppo la mano, arrivando a dover fare i conti con una vera e propria patologia, che si traduce nel gioco d’azzardo. Proprio quest’ultimo ha registrato una diffusione sempre più ampia nel nostro Paese, vista anche la facilità di accesso. Allo stesso tempo interesserà sapere che proprio il momento difficile che stiamo vivendo a causa del coronavirus ha contribuito ad avere una notevole influenza su questo settore. Ma in quali termini? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>>  Il Gratta e Vinci è solo divertimento? Il test per scoprire se sei dipendente dal gioco

Covid, come il lockdown influenza il gioco d’azzardo: tutto quello che c’è da sapere

gioco d'azzardo
Fonte: Pixabay

Al fine di contrastare la diffusione del coronavirus il governo ha deciso di adottare una serie di misure restrittive. Una situazione che ha portato i giocatori ad avere minor possibilità di gioco rispetto al passato, per via della chiusura di varie attività commerciali. Non a caso sono diminuiti gli introiti del settore, con molti che pertanto ipotizzano una maggior attenzione al mondo del gioco d’azzardo. Un punto di vista che sembra, però, non trovare conferma nella realtà.

A differenza di quanto si possa pensare, infatti, sembra che proprio durante il lockdown si sia assistito ad una diminuzione del gioco d’azzardo. Le varie restrizioni, infatti, hanno portato a dover fare i conti con un’astinenza forzata, con alcuni che hanno così avuto modo di affrontare le problematiche causate da uno stato di dipendenza. Ovviamente i problemi legati al mondo del gioco d’azzardo non possono essere considerati risulti e si richiede l’attuazione di misure ad hoc, al fine di contrastare tale fenomeno.

LEGGI ANCHE >>> Covid, sale giochi chiuse e boom del business illegale: la fregatura è dietro l’angolo

Proprio per questo motivo non può passare inosservato come una limitazione di accesso contribuisca in parte a risolvere il problema, con la speranza di tornare finalmente ad una vita senza restrizioni per tutti, ma con misure adeguate a risolvere invece alcune situazioni problematiche, come appunto la dipendenza dal gioco d’azzardo.