La nota app di messaggistica istantanea affila le unghie per proteggersi da truffatori e malintenzionati sempre più comuni.

L'audio WhatsApp che mette in guardia gli italiani sui numeri da Covid: è una fake?
WhatsApp audio (Fonte foto: web)

Whatsapp meno sicuro che mai. Negli ultimi anni la nota app di messaggistica istantanea è spesso stata al centro di truffe per organizzate, attraverso messaggi audio ma anche e soprattutto messaggi di testo contenenti link che il più delle volte nascondono veri e propri progetti truffaldini. Nel primo caso, secondo la moderna tecnologia, è più che possibile difendersi da ciò che arriva via audio, soprattutto se si tratta di chiamate vocali.

Gli sviluppatori della nota app, rendono  accessibili sempre più funzioni, associabili all’utilizzo di altre app specifiche, tra queste quelle che consentono di registrare ogni chiamata in entrata o in uscita. A questo punto la cosa appare piuttosto semplice, basta installare l’app nel caso in cui il vostro smartphone no avesse funzioni di registrazioni incluse, e far partire la registrazione al momento opportuno. Tale operazione potrebbe essere utile, nei casi in cui si pensa di essere vittima di una truffa e si vuole denunciare l’accaduto. La registrazione potrebbe trasformarsi in prova preziosa.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp, non siamo più al sicuro: interviene la Polizia Postale

Whatsapp: gli utenti passano al contrattacco contro i malintenzionati

Nelle ultime settimane si è sviluppata l’esigenze anche da parte degli utenti, quindi, di tutelarsi rispetto a tutto ciò che può circolare sulla nota app. Tra l’altro è utile avere la possibilità di difendersi da qualsiasi tipo di azione atta a causare danni o disagi. A questo punto l’utilizzo di una diversa tecnologia appare del tutto necessaria ed offre l’opportunità nel caso di potersi difendere in ogni situazione che potrebbe capitarci.

La funzione memo oppure l’utilizzo di un’app diversa che consenta di registrare le chiamate, ecco come difendersi. In base al vostro sistema operativo, che sia Android o Ios. Non resta che far partire al registrazione e la prova della forzatura è nella vstre mani.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp e Facebook conoscono i nostri più intimi segreti

La privacy al primo posto, la sicurezza e la possibilità di difendersi prima d’ogni cosa quando si parla di certi contesti. Oggi, c’è un’arma di difesa in più.