Stop ai licenziamenti, ma non per tutti: ecco chi rischia comunque il posto di lavoro

Proroga della misura che prevede lo stop ai licenziamenti nel settore privato. Ma non sarà cosi per tutti i lavoratori.

Licenziamenti
Licenziementi (Adobe)

Stop ai licenziamenti nel settore privato. Il termine inizialmente in scadenza il prossimo 31 marzo sarà con tutta probabilità prorogato dal ministro del Lavoro, Andrea Orlando fino al prossimo 31 ottobre. Non sarà cosi per tutti i lavoratori, insomma, il ministro ha accolto le richieste dei sindacati in merito alla possibilità di rimandare la possibilità di rimandare il termine che in qualche modo stoppava ogni licenziamento dal comparto privato, dando ai lavoratori la possibilità di mantenere il proprio lavoro in questo delicato momento storico.

In tal senso la scadenza viene quindi, con molta probabilità, in questi giorni è prevista la conferma, rimandata al 31 ottobre 2021, ma non sarà cosi per tutti. Con molta probabilità, insomma, da tale scadenza saranno esclusi i lavoratori che percepiscono già ammortizzatori sociali. Nel loro caso la scadenza si anticiperà di qualche mese, il 30 giugno 2021. Una situazione delicata quindi per chi al momento già gode del trattamento degli ammortizzatori sociali.

LEGGI ANCHE >>> Stage a 55 anni tra i 300 e gli 800 euro al mese: l’involuzione del lavoro in Italia

Licenziamenti stop: la libertà di licenziamento prima o poi tornerà

Il tema del lavoro è campo molto delicato in questa particolarissima fase economica e sociale che investe il nostro paese. In molti casi, gli imprenditori vorrebbero la libertà di licenziare, diciamo cosi, a proprio piacimento i lavoratori, tenendo conto di quelle che sono l le proprie esigenze, considerando i vari momenti aziendali, considerando insomma l’andamento e la qualità dei propri affari. Un ragionamento che, ovviamente, non offre alcuna tutela ai lavoratori.

Insieme al prolungamento della scadenza riguardante lo stop dei licenziamenti, va considerata anche la proroga della cassa integrazione covid, il provvedimento che tutela i lavoratori rimasti senza impiego per un breve periodo a causa delle disposizioni di sicurezza imposte dal Governo, in seguito all’aumentare dei contagi.

LEGGI ANCHE >>> Bonus Covid: alcuni Collaboratori Sportivi dovranno restituire tutto

La fase è molto delicata, il rischio concreto è quello di cadere in alcune dinamiche in cui è il titolare che fa il bello ed il cattivo tempo non tenendo affatto conto, in alcun caso delle esigenze e delle condizioni lavorative dei propri dipendenti. Per ora, i lavoratori, sembrano salvi, poi si vedrà.