Quanto hanno speso in mascherine gli italiani? Una cifra astronomica

Quanto hanno speso nel 2020 gli italiani in guanti, mascherine, vitamine ed altri dispositivi di sicurezza per il Covid?

Quanto hanno speso in mascherine gli italiani? Ad oggi, 164 milioni
Mascherine (Fonte foto: web)

Secondo dei dati resi noti da IQVIA, riferimento mondiale nell’elaborazione di dati e tecnologie innovative in ambito farmaceutico e sanitario, gli italiani, durante il 2020, avrebbero speso 164 milioni di euro in mascherine. Un oggetto di cui, anche grazie ai vari obblighi, non si può più fare a meno.

A causa della pandemia, Covid-19, è logicamente aumentato il generale interesse verso tutte le forme di tutela e di prevenzione, per evitare il contagio. Durante la diffusione della pandemia, è diventata sempre più comune la vendita di dispositivi di prevenzione, aumenti che si sono verificati con numeri mai raggiunti.

Pensare che la vendita di guanti di lattice, è aumentata del 105,2%, mentre i prodotti che servono all’igienizzazione delle mani, sono aumentati, pensate, del 1125%. La vendite delle mascherine, aveva iniziato la sua ascesa, già nel 2019.

Leggi anche>>> Covid, attenti ai soldi: l’allarme degli esperti. “Contagiano, usate i bancomat”

Leggi anche>>> Italia off-limits, fra smartworking e dad: ma c’è una promessa per le famiglie

Mascherine, ma anche altri prodotti hanno ricevuto inflazioni

In generale, l’industria farmaceutica, senza ancora contare i primi vaccini, ha subito un rialzo clamoroso da quando c’è informazione sul Coronavirus. Persino altri prodotti non strettamente inerenti la pandemia, come integratori e vitamine, hanno visto le loro vendite in rialzo. Infatti, il commercio delle vitamine ha toccato quota 545,6 miliardi di euro nel 2020, questo perché tante persone, hanno pensato fosse meglio rafforzarsi per rinforzare anche le proprie difese immunitarie.

Logicamente, guanti e mascherine hanno avuto la meglio, sia perché ci è stato insegnato che i dispositivi sono il primo passo verso l’allontanamento del contagio, sia perché le seconde, sono diventate man mano obbligatorie per la normale circolazione per strada.

Le vendite sono aumentate, anche perché ognuno ha dovuto man mano imparare le tante regole da seguire, per cercare di ridurre al minimo il pericolo. E così, oltre al distanziamento ed alle norme comportamentali che ci hanno impartito, come evitare di toccarsi gli occhi ad esempio, stiamo sempre più attenti ad igienizzare le mani, non dimenticare la mascherina o tenere un ambiente in casa quanto più pulito possibile.