Brutte notizie per i titolari di conti correnti e proprietari di casa. Torna, infatti, l’incubo della patrimoniale. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere e come eventualmente difendersi.

patrimoniale
Fonte: Pixabay

A causa del Covid il governo ha adottato delle misure restrittive con l’intento di limitarne la diffusione. Decisioni che hanno purtroppo registrato delle conseguenze negative, sia dal punto di vista sociale che monetario, con molte imprese che si ritrovano a dover fare i conti con un netto calo del fatturato. Proprio per questo motivo si rende necessaria l’attuazione di misure ad hoc, al fine di offrire un valido aiuto a sostegno delle persone maggiormente colpite dalla crisi.

In tal senso nel corso di questi ultimi mesi sono state erogate varie forme di sussidio e il governo Draghi, che ha ricevuto l’incarico dopo il crollo del Conte Bis, è chiamato a prendere a sua volta delle importanti decisioni in merito. Proprio in questo contesto torna l’incubo della patrimoniale, la cui ipotesi è ultimamente tornata a circolare con particolare forza. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito e cosa fare eventualmente per difendere i propri risparmi.

LEGGI ANCHE >>> Zona rossa, ci salva l’autocertificazione: scarica il modulo per non perdere 1000 euro

LEGGI ANCHE >>> Arcuri silurato: quanto ha speso l’ex commissario per l’emergenza covid

Conto corrente e casa, torna lo spettro della patrimoniale: ecco come comportarsi

patrimoniale

Dopo il crollo del governo Conte bis, Mattarella ha affidato la guida del nostro Paese all’ex governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi. Il nuovo esecutivo è quindi chiamato a fornire un valido aiuto alle famiglie che si ritrovano a dover fare i conti con un grave periodo di crisi economica a causa del Covid. Oltre al momento di per sé difficile, inoltre, a destare particolare preoccupazione è lo spettro della patrimoniale. Al momento, è bene sottolineare, non è dato sapere se verrà introdotta o meno, ma nel dubbio è sempre bene farsi trovare pronti e sapere come fare per difendere i propri risparmi.

In tal senso ricordiamo che nel caso in cui dovesse essere applicata la patrimoniale, quest’ultima, molto probabilmente, si presenterebbe come un prelievo forzoso sui conti correnti, oppure con l’introduzione dell’IMU sulla prima casa. In quest’ultimo caso, purtroppo, non si può far nulla per evitare di pagare. Diversa, invece, è la questione del prelievo forzoso. Onde evitare possibili prelievi, infatti, non bisogna fare altro che non tenere i soldi sul conto. Ma non solo, si consiglia di investire buona parte dei soldi in titoli di Stato. Questi ultimi, infatti, hanno una tassazione agevolata, non rischiano di subire gli effetti di una patrimoniale e soprattutto permettono di ottenere un rendimento più alto rispetto a un conto corrente.