Borse false, rischiano di più quelli che le acquistano

Acquisto borsa falsa: si rischiano fino a 7000 euro di multa. Ma quali sono i motivi? Giusto spiegare tutto nel dettaglio.

acquisto borse false
(Fonte: Getty Images)

Le merci contraffatte sono una delle problematiche del mercato. Infatti il mercato dei falsi, nonostante il lockdown e il periodo di crisi che si sta vivendo, è in crescita e in continuo e costante aumento. Ma quali sono il rischio nel caso si dovesse acquistare qualcosa di falso? Giusto entrare nel dettaglio di alcune spiegazioni e motivi.

Infatti la verità è che si rischiano fino a 7mila euro di multa comprando una borsa falsa firmata, per esempio, Gucci, Chanel o Vuitton. Tutto questo può accadere da un venditore che ci propone merce in casa, online, per la strada o in spiaggia. Insomma, le situazioni possono davvero essere molteplici, ma i rischi sono altissimi.

LEGGI ANCHE >>> Autovelox, ma la foto è sempre sinonimo di multa?

LEGGI ANCHE >>> Chi effettua pagamenti in contanti rischia una multa di oltre 1000 euro: ma qual è il motivo?

Acquisto merce falsa, ecco tutti i rischi: fino a 7mila euro di multa

(Fonte: Getty Images)

Il tutto è legato al fatto se viene colti nell’atto dell’acquisto. In qual caso infatti si può parlare di acquisto incauto. La multa, va detto, può essere legata anche alle leggi comunali. Infatti, per esempio, a Firenze è di 100 euro. Però l’articolo 1 comma 7 della Legge 14/05/2005 n. 80 prevede che si possa arrivare addirittura fino a 7mila euro.

Entrando ancor maggiormente nel dettaglio, si può dire, che se si paga entro 60 giorni, la pena è di 200 euro, a cui si va ad aggiungere la confisca del bene incriminato. Ma ci possono essere dei rischi ulteriori? Molto può essere legato a, in un certo senso, il destino del prodotto acquistato.

Infatti, nel caso in cui si dichiarasse che si tratti di un regalo, si cade nel reato di ricettazione, previsto dall’articolo 648 del codice penale. La pena prevista è la reclusione da 2 a 8 anni e  la multa, che può da 516 a 10.239 euro. Oltre al sequestro dell’oggetto, la competenza del caso passa alla Procura della Repubblica. Insomma, un pericolo ancora maggiore. Grandi sanzioni anche ovviamente per i titolari di boutique: da 20.000 euro a 1 milione di euro, con riduzione a 40mila euro in caso di pagamento entro 60 giorni.