Difendersi da sms e telefonate pubblicitarie indesiderate da parte dei vari operatori è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come fare.

Tecnologia
adobe

Prima o poi è capitato a tutti di rispondere al telefono e ritrovarsi dall’altra parte della cornetta uno dei tanti operatori di call center, pronti a proporre una proposta di carattere commerciale. In alcuni casi possono essere la soluzione giusta al momento giusto, in altri casi, invece, possono essere indesiderate. Stesso discorso, ovviamente, vale anche per i tanti sms che spesso finiscono per giungere sul nostro cellulare, con promozioni di vario tipo.

A partire dalle proposte da parte del proprio operatore, fino ad arrivare, nella maggior parte dei casi, a quelle che giungono da propri ex operatori, si rischia di dover fare i conti con continui messaggi e telefonate. Effettuate nelle ore più disparate, soprattutto durante l’ora di pranzo o cena, sono in molti a chiedersi se è possibile in qualche modo evitarle. Ebbene la risposta è sì e oggi vedremo assieme come fare.

LEGGI ANCHE >>> La banca non manda sms! Che fine fanno i nostri soldi se ci truffano?

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito o bancomat, attenti a questi siti: altissimo rischio truffa

Sms e telefonate pubblicitarie indesiderate, difendersi è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Non rispondere assolutamente a questa telefonata: è una truffa
Fonte foto: web

Come già detto, riuscire a difendersi da sms e telefonate pubblicitarie indesiderate è possibile. A tal fine si ricorda che accedendo ai siti dei propri operatori, ogni cliente può gestire sulla propria area personale i consensi. Per quanto riguarda gli ex clienti, invece, bisogna inviare una e-mail ad un indirizzo specifico. A tal fine è sufficiente cercare sul sito web dell’operatore di riferimento e ottenere tutte le informazioni necessarie. In alternativa si consiglia di chiamare e revocare il consenso. Entrando nei dettagli, in caso di non clienti, è possibile mandare le e-mail ai seguenti indirizzi:

  • Tim, inviare una e-mail a richiestaprivacy@telecomitalia.it;
  • Poste Mobile, non vi è un’apposita e-mail, ma è possibile revocare i consensi inviando una comunicazione a info@postemobile.it;
  • Vodafone, scrivendo a info.privacy@mail.vodafone.it;
  • Wind3, in questo caso bisogna scrivere a ServizioClienti159@pec.windtre.it oppure DataProtectionOfficer@windtre.it;
  • Fastweb, in questo caso è possibile inviare una e-mail all’indirizzo privacy@fastweb.it; oppure compilare un modulo online disponibile sul sito dell’operatore.