Sempre più genitori decidono di acquistare una carta prepagata per il loro figlio minorenne: ecco quali sono le migliori di questo mese.

Minorenni carte prepagate

Questa tipologia di carta prepagata deve essere sottoscritta da un genitore, infatti un minore non può acquistarla personalmente, come non può effettuare ricariche in modo autonomo. Di solito il genitore le acquista per responsabilizzare il figlio sull’utilizzo del denaro, molto spesso però il genitore cerca uno strumento utile per effettuare i pagamenti all’estero e online per il minore.

Queste carte si appoggiano a circuiti internazionali, come VISA, MasterCard, Maestro: una sicurezza che la carta prepagata possa essere utilizzata in modo efficiente sia nel territorio nazionale che all’estero.

Generalmente i costi di queste carte sono molto bassi, principalmente si pagano delle commissioni sui prelievi e sulle ricariche, ma inferiori rispetto a quelli che si dovrebbe sostenere con altre tipologie di carte. Senza dimenticare, inoltre, che il plafond delle carte prepagate non è elevato. Un vantaggio delle carte prepagate rivolte è ai minori è certamente la possibilità per i genitori di poter mantenere un elevato controllo sulle operazioni effettuate dal proprio figlio, in modo da prevenire ed evitare spese incontrollate.

LEGGI ANCHE >> Vedere Netflix senza carta di credito? Ecco come!

LEGGI ANCHE >> Conto corrente per minorenni: quale scegliere e come funzionano

Le 5 carte prepagate per minori migliori di questo mese

  1. PostePay Junior: è una carta prepagata di Poste Italiane. Il costo iniziale è di 5 euro, a cui vanno aggiunti 5 euro per la prima ricarica. Può essere utilizzata per prelevare denaro presso gli sportelli automatici Postamat e in quelli bancari del circuito VISA o VISA Electron. Permette gli acquisti nei negozi fisici e online. Tutte le operazioni sono gratuite, gli unici costi che si devono sostenere è per prelevare denaro, per tale operazione infatti è prevista una commissione di 1 euro.
  2. Unicreditcard Click: questa carta è riservata a chi ha già compiuto 14 anni. Ha un costo di 10 euro, permette un prelievo massimo giornaliero di 750 euro. Validità di tre anni, ha un plafond di 5.000 euro.
  3. Hype: questa carta permette al minore di 18 anni di gestire tutte le spese attraverso l’app, mantenendo però la possibilità per il genitore di controllare le spese del figlio. Il piano previsto per i minorenni è a zero spese. Inoltre, al raggiungimento dei 18 anni è possibile passare direttamente alla carta prepagata HYPE Start.
  4. Yap: non prevede il pagamento né di costi né di commissioni, interamente gestibile attraverso l’app. Consente, oltre alle classiche operazioni di una carta prepagata, di dividere facilmente le piccole spese, come il conto della cena o il rifornimento del motorino. Anche in questo caso il genitore ha sempre il controllo: tutte le operazioni devono essere confermate dal genitore prima di essere concluse.
  5. Bunq Travel Card: questa carta prepagata è utile se il figlio minorenne viaggia molto: è riconosciuta dai principali circuiti internazionali e ha un plafond illimitato. La Bunq offre gratuitamente i servizi di impostazione dei limiti di spesa, i pagamenti in valuta diversa dall’euro, l’attivazione delle notifiche istantanee delle operazioni effettuate e la personalizzazione della carta attraverso l’impostazione di limiti di utilizzo sia nazionali che internazionali. Il costo della carta è di 9.90 euro, ma non prevede altre spese o commissioni.