Lotteria degli scontrini: chi non reclama la vincita rischia grosso

Giovedì 11 marzo ci sarà la prima estrazione mensile riguardante la lotteria degli scontrini. In palio numerosi premi, ma i fortunati non avranno molto tempo per poterli ritirare

Receipt.

L’attesa è finita, dopo diversi rinvii stavolta si parte per davvero. Giovedì 11 marzo 2021 andrà in scena la prima estrazione mensile della “lotteria degli scontrini”. I premi in palio sono 10 da 100mila euro ciascuno per coloro che nel mese di febbraio hanno effettuati acquisti con carte o bancomat.

Le altre vincite invece riguardano i commercianti e gli esercenti che hanno emesso gli scontrini fortunati. In questo caso le somme corrisposte sono di 20mila euro per ogni biglietto vincente. 

Bisogna però prestare attenzione ad un cavillo burocratico che potrebbe però spezzare i sogni di gloria di coloro che verranno estratti. Infatti per ritirare quanto vinto esiste un limite di tempo, che va tassativamente rispettato.

LEGGI ANCHE >>> Lotteria degli scontrini: come segnalare ogni irregolarità

LEGGI ANCHE >>> Giovedì i primi 100 mila euro: come sapere se avete vinto la lotteria degli scontrini

Lotteria degli scontrini, quanto tempo si ha a disposizione per ritirare i premi

Per quanto riguarda i clienti bisogna attendere una PEC (qualora l’abbiano indicata nell’area personale riservata alla lotteria) o attendere la raccomandata con avviso di ricevimento recapitata all’indirizzo di residenza o di domicilio fiscale disponibile nell’Anagrafe nazionale.

Abbastanza simile il discorso per i negozianti che in linea di massima riceveranno una PEC (la maggior parte delle attività hanno l’obbligo di averla). Naturalmente può capitare che non sia più attiva e che quindi si procederà con la raccomandata. 

Dal momento della comunicazione si hanno 90 giorni di tempo per rivendicare la propria vincita. Non bisogna fare altro che seguire le istruzioni presenti nella comunicazione ricevuta. Chi non riesce in tempo, non può più riscuotere la somma vinta, che va in automatico all’Agenzia delle Entrate. Insomma, una situazione da non sottovalutare onde evitare di perdere ciò che la fortuna ha deciso di elargire.