Avere l’estratto del conto corrente condominiale è un diritto. Ecco come fare

Forse in pochi conoscono questo strumento, ma il conto corrente condominiale è uno strumento pratico per quei condomini di piccole e medie dimensioni.

Finestre di un appartamento

L’obbligatorietà di aprire un conto corrente condominiale è sancita dalla legge n. 220/2012, entrata in vigore a giugno del 2013. Attraverso questo strumento, il legislatore ha imposto all’amministratore di far passare tutte le somme condominiali, sia in entrata che in uscita, da un conto corrente condominiale. Qui vi transitano tutte le somme che riguardano il condominio, compreso il risarcimento danni richiesto dall’amministratore in nome e per conto del condominio o il pagamento delle pulizie dello stabile. Spetta all’amministratore la decisione di aprire un conto corrente online, postale o bancario. Con questo strumento l’amministratore si può mettere al riparo da eventuali contestazioni da parte dei condomini per quanto riguarda la gestione del denaro comune. Infatti, attraverso questo obbligo, il legislatore ha voluto garantire maggiore trasparenza e correttezza.

Nonostante ciò, i pagamenti in contanti sono sempre ammessi, a condizione che l’amministratore segua una determinata procedura, prevista dalla legge:

  • nel caso in cui all’amministratore venga consegnato del denaro in contante, questo deve rilasciare al condomino una ricevuta di pagamento, datata e firmata, dopodiché deve procedere a versare tale somma e registrarla come pagamento del condomino.
  • nel caso in cui l’amministratore paghi una determinata spesa al fornitore in contanti, deve richiedere una ricevuta. Questa, deve essere registrata sul conto condominiale come prelievo, in modo che il pagamento sia tracciabile.

Tutto ciò perché il legislatore non è intenzionato a eliminare il contante, ma vuole obbligare l’amministratore a registrare tutte le operazioni, da lui effettuate, in entrata e in uscita, nella contabilità del conto corrente. Il conto corrente condominiale dà il diritto ai condomini di verificare la gestione del denaro del condominio, in modo da controllare l’operato dell’amministrazione. Infatti, ogni condomino ha il diritto di chiedere all’amministratore l’estratto conto delle spese, che deve essere consegnato in modo integrale senza oscuramenti.

Ultima, doverosa precisazione, che la legge nulla dice su quali condomini grava l’obbligo di apertura di un conto corrente. Di conseguenza è da ritenere che per i condomini fino ad otto condomini, per i quali la nomina dell’amministratore è facoltativa, non sono obbligati ad avere un conto corrente condominiale, proprio perché solo l’amministratore può aprire e gestire questo strumento.

LEGGI ANCHE >> Quanto guadagna un amministratore di condominio?

LEGGI ANCHE >> Spese ascensore: il metodo di divisione dei costi tra i condomini

Come aprire un conto corrente condominiale

Come già affermato, il conto corrente deve essere aperto dall’amministratore condominiale, nominato dall’assemblea del condominio. In particolare, l’amministratore, in base a quanto disposto dalla legge, deve:

  • aprire un conto corrente condominiale. Nel momento dell’apertura di tale conto l’amministratore deve presentare copia della delibera di nomina, del codice fiscale del condominio e del regolamento condominiale. In particolare, nella delibera di nomina devono essere specificate: la nomina dell’amministratore stesso, la durata dell’incarico e l’autorizzazione all’apertura del conto corrente (non obbligatoria quest’ultima indicazione, ma consigliata)
  • in presenza di un conto corrente già esistente, l’amministratore si deve recare nella filiale o nell’ufficio postale ove è presente il conto, per mostrare la delibera di nomina, in modo da modificare l’intestazione del conto corrente. In questo caso dovrà effettuare, eventuali controlli, per verificare i versamenti dei condomini e i pagamenti dei fornitori verso e dal conto corrente condominiale.
  • l’amministratore può fornire copia della documentazione del conto corrente anche ai condomini.

Chi può accedere al conto corrente condominiale

Come detto, a questo conto ha accesso diretto solo l’amministratore, mentre i condomini per visionare gli estratti conto devono farne esplicita richiesta all’amministratore stesso, non alla banca. In particolare, il condomino deve farne richiesta scritta all’amministratore, riportando tutti i dati personali, dello stabile in cui vive e l’elenco dei documenti che vuole visionare o averne copia. Meglio inviare la richiesta a mezzo raccomandata a/r, in modo da certificare larichiesta. A questo punto, l’amministratore chiederà alla banca tutta la documentazione e la consegnerà al condomino.

Un orientamento giurisprudenziale afferma che, nel caso di comportamento omissivo o inadempimento da parte dell’amministratore, il condomino può richiedere direttamente alla banca l’estratto conto. La banca però, prima di consegnare il documento, dovrà verificare che il soggetto viva realmente nel condominio.

I vantaggi di aprire un conto corrente condominiale

Sembrerebbe quindi che il conto corrente condominiale sia uno strumento che garantisce maggiore trasparenza, semplicità e sicurezza nella gestione del denaro comune. Sicuramente i più avvantaggiati sono i condomini di piccole dimensioni, in quanto potranno godere di costi di gestione più bassi. In questo modo, anche le spese di mantenimento del condominio e le rate mensili possono rimanere contenuti.

Tra gli altri vantaggi si può annoverare le richiesta a tassi agevolati di prestiti o fidi per ristrutturazioni o manutenzioni, per i quali sono previste modalità di restituzione alternative, che variano a seconda che il conto sia stato aperto presso una banca, un ufficio postale o online.

I migliori conti correnti condominiali

Tra le banche che prevedono delle agevolazioni per chi apre un conto corrente condominiale, ne abbiamo selezionate tre:

  1. Banca Sella, offre agli amministratori di condominio il conto Small Business. Prevede il pagamento di un canone di 13 euro ogni tre mesi e l’emissione di una carta di debito associata al conto, con la possibilità di registrare fino a cento operazioni.
  2. Banca Widiba, questa banca permette di aprire e gestire il conto condominiale direttamente online, con l’aiuto di un consulente finanziario. In particolare il conto Bussiness prevede il pagamento di un canone di 30 euro a trimestre.
  3. Crédit Agricole, propone per i condomini un conto professionale. il canone è di 11 euro e le operazioni sono illimitate.