Truffe online: attenzione ai possibili imbrogli sui gruppi Facebook

Si tratta di una frontiera delle truffe online che viene presa poco in considerazione. Molti furfanti di infiltrano in gruppi Facebook per attirare le persone nelle loro subdole trappole

truffe online

Truffe, truffe e ancora truffe. La società moderna ormai deve sempre mantenere alta la guardia onde evitare di caderci dentro. Molte persone purtroppo sono ancora vittime di questi spiacevoli raggiri, che lasciano in dote oltre alle perdite economiche, anche dei contraccolpi psicologici di non poco conto.

D’altronde è normale che possa scattare rabbia, frustrazione o sconforto. Magari è stato sottratto del denaro frutto di anni di sacrifici, che si pensava di poter investire per una cosa utile o per uno sfizio di carattere personale. La maggior parte vanno in scena in rete dove ormai è diventato molto più semplice adescare le proprie “prede”.

LEGGI ANCHE >>> Single, ma solo su Facebook: costretto a pagare le spese per la separazione

LEGGI ANCHE >>> La ricerca di lavoro non è esente da truffe: 3 motivi per stare attenti

Truffe online sui gruppi Facebook: come agiscono i criminali in questi casi

Uno degli ultimi episodi della lunghissima lista delle truffe online è stato fortunatamente scoperto dai carabinieri di Novellara in provincia di Reggio Emilia. Denunciato un uomo di 40 anni di Crotone che secondo le prime ricostruzioni si intrufolava spesso e volentieri sui gruppi Facebook di compravendite di vario genere.

Sfruttava gli annunci presenti per “vendere” dei prodotti che ovviamente non recapitava mai ai vari destinatari. Incassava quanto pattuito per poi far perdere le proprie tracce. Tutto è filato liscio per il delinquente fino a quando una donna di circa 45 anni ha deciso di raccontare la sua esperienza negativa agli agenti della caserma di Novellara.

Aveva pagato 750 euro maggiorati di 30 euro per la spedizione. Grazie alla Postepay utilizzata dal furfante e al profilo social attraverso cui portava a termine i suoi piani truffaldini è stato identificato e poi denunciato alla magistratura. A tutto c’è un limite insomma. Una volta può andar bene, ma alla lunga questi “giochetti” fortunatamente vengono scoperti.