Chiunque la conosce, ma nessuno sapeva i danni economici che ha provocato durante i ciak della sua serie di film.

fast furious

Chi non conosce la saga cinematografica Fast&Furious? Dopo il numero di film che è arrivato fino a 10 episodi.

La saga con protagonista l’attore hollywoodiano Vin Diesel, di cui il nono capitolo è previsto per quest’anno mentre il decimo per il 2022, ha incassato in questi anni più di 5 miliardi di dollari.

La saga iniziata nel 2001 ha visto anche nel corso d’opera la perdita di uno dei suoi più grandi interpreti, Paul Walker, morto in un incidente stradale dopo essersi schiantato con la sua auto contro un lampione della luce di cemento.

Successivamente però la serie ha acquisito altri grandi nomi, fra cui il mitico “The Rock” Dwayne Johnson e Jason Statham.

LEGGI ANCHE >>> Film gratis e senza pubblicità: grazie a questo semplice trucco si può

LEGGI ANCHE >>> Patiti di serie tv e film? Ecco l’abbonamento più conveniente

Una delle saghe più conosciute del cinema ha fatto un sacco di danni

Un nuovo studio effettuato sulla serie ha svelato quanti sono stati i soldi sprecati per le macchine che sono state distrutte all’interno dei film.

Nel corso di due decenni, sono tantissime le autovetture utilizzate dalla produzione e dagli stunt: dalle Ferrari alle Porsche, passando per le Mustang e le Dodge

A svelare la folle perdita una compagnia di assicurazioni molto conosciuta dal nome Insure the Gap che ha calcolato dal primo film del 2001 una perdita in dollari di macchine distrutte, incendiate, frantumate vicino al miliardo di dollari.

Secondo Craig Lieberman, produttore dei primi tre film, le macchine presenti nel film sono accompagnate da almeno 6 o 7 macchine identiche per le scene più crude.

Dunque il numero di macchine distrutte nel film è di 1800, ma bisogna comunque anche dire le cose totalmente come stanno: molte di queste automobili, vengono poi ricomposte e vendute al miglior offerente o collezionista miliardario.

Come accaduto per la Saleen Mustang che viene schiacciata da un enorme autoarticolato in 2Fast 2Furious: una volta ricostruita, è stata completamente venduta e ancora oggi circola per strada.