La donna non è business: al posto di un fiore, regaliamo rispetto

La festa della donna, la retorica di certe occasioni ed una considerazione, un rispetto spesso ancora lontani.

L'amore non uccide
L’amore non uccide

Nel 2020 il numero dei femminicidi, delle donne assassinate senza alcuna pietà, senza alcuna logica, è rimasto praticamente stabile rispetto allo stesso dato dell’anno precedente. 81 uccisioni per il 2020, contro le 89 del 2019. Una piaga, perchè di piaga si tratta, di cui non si riesce a liberarsene. Storie atroci, violenze che durano da una vita, anni di angosce, sottomissioni e frustrazioni, per poi arrivare al tragico giorno, in cui, l’uomo, ha deciso che quella vita deve finire. Follia pura.

Due femminicidi soltanto nel giro delle ultime 24 ore, due donne uccise a coltellate rispettivamente in Veneto e Calabria. Nel primo caso, un uomo ha ucciso sua moglie, mentre in provincia di Catanzaro, un 36enne del posto ha ucciso la donna con la quale aveva una relazione extraconiugale. Partner, ex partner, parenti, il cerchio si stringe sempre in intorno a queste figure, il femminicidio, ha quasi sempre, come carnefici, una di queste figure.

LEGGI ANCHE >>> Vende false speranze fino a causarne la morte: la truffa del sedicente mago

LEGGI ANCHE >>> Arrestati i ragazzi della rapina di Foggia: barista morto per appena 100 euro

La donna non è business: le follie della cronaca quotidiana

Non cala il numero dei femminicidi. Non si placa l’ira, la collera, la falsa percezione di se, la possibilità di immaginarsi qualsiasi cosa e di immaginare di potersi esprimere in qualsiasi cosa. Parliamo di storie segnate sin dai propri inizi, partner violenti che diventano poi mariti violenti e che possono diventare, anche, ex mariti violenti. La storia è tutta li, spesso l’assassino può nascondersi in famiglia, ma purtroppo nella maggior parte dei casi, la morte, per le donne, arriva proprio dall’amore, da ciò che si immaginava potesse esserlo.

La tragica fine di Viviana e di suo figlio

Una donna ed il suo piccolo di pochi anni, ritrovati morti in una zona perduta, tra le campagne di Caronia, nel messinese. Si era parlato di suicidio nel primi giorni dopo la scomparsa della donna e di suoi figlio. Il ritrovamento di quei corpi, il dramma  di una famiglia distrutta. Poi la storia che varia e le ipotesi più atroci, omicidio per la donna ed il suo bambino, la famiglia del suo ex, dietro ogni cosa, e la storia, tristemente si ripete.