Ricchezze invisibili: il mercatino dell’usato può nascondere un tesoro

Un mercatino, web o con bancarelle e ambulanti urlanti, può sempre celare un pezzo unico. L’importante è saperlo riconoscere (e stare attenti alle truffe).

Mercatino usato
Foto di Capri23auto da Pixabay

Non c’è bisogno di essere nati alla fine degli anni Settanta per conoscere il mercato delle pulci di Portobello Road, portato alla ribalta internazionale grazie al film della Disney Bedknobs and Broomsticks, meglio noto in Italia come Pomi d’ottone e manici di scopa. In quella famosa canzone, i protagonisti sostenevano che fra le “stupende ricchezze” di quelle bancarelle si sarebbero potuti trovare “ricordi di ogni generazione”. E avevano ragione: Portobello, come ogni grande mercato dell’usato e dell’antiquariato, nasconde dei veri e propri pezzi d’epoca. E, inevitabilmente, qualche patacca. Ma ci sta. Lo diceva anche David Tomlinson durante l’esecuzione del brano.

Restando alla parte più bella del discorso, tuttavia, il mercatino dell’usato rappresenta spesso un luogo dove trovare, a prezzi tutto sommato contenuti, delle buonissime occasioni per arredare la nostra casa. Senza volerlo, inoltre, può capitare che ci si ritrovi di fronte a pezzi unici, di enorme valore. Spesso, tuttavia, non sono noi ma nemmeno i venditori potrebbero sapere di avere a che fare con qualcosa di valore.

Chi non è mai andato a un mercatino dell’usato? Anche solo per il gusto di rovistare fra le bancarelle del vintage, alla ricerca di qualche vecchio ricordo o di qualche bell’oggetto, anche di relativo valore. Ma, come si diceva, l’occasione di fare il colpaccio è sempre dietro l’angolo. E questo proprio per la natura stessa dell’usato e dell’antiquariato: molte volte, infatti, si tratta di pezzi rari o comunque non replicati o semplicemente fuori produzione. Il che, se in buone condizioni, accresce di molto il loro valore.

LEGGI ANCHE >>> Cuore bianconero? C’è la carta prepagata Enjoy di UBI Banca

LEGGI ANCHE >>> Carta prepagata Paypal: è tutto oro quel che luccica?

Ricchezze invisibili: il mercatino dell’usato può nascondere un tesoro

Detto dell’avvertenza contro le copie, i falsi e le riproduzioni, quando si procede all’acquisto di qualcosa che si ritiene di valore, meglio andarci cauti. Specie se, come avviene sovente di questi tempi, l’acquisto dovesse concludersi via internet. Su Ebay, ad esempio, il mercato dell’usato è piuttosto florido e molte altre piattaforme di compravendita fra privati hanno lievitato il proprio volume d’affari nell’ultimo periodo. Per i meno esperti, affidarsi al consiglio di qualcuno competente nel settore può aiutare, per esempio, a distinguere un oggetto vintage da uno antico.

Subentrano poi un’infinità di fattori: dallo stile ai materiali, dallo stato di conservazione ad alcuni dettagli tecnici che possono indurre a capire il reale valore del pezzo. Sul web la situazione si fa ancora più difficile e visionare l’oggetto prima dell’acquisto diventa fondamentale. Tuttavia, se tutto dovesse filare liscio, ci si troverebbe di fronte a un vero e proprio potenziale tesoro. Che sia un quadro, un elemento di mobilio. O semplicemente un orologio.