Decreto “Sostegno”, la bozza è pronta, presto reali gli aiuti alle partite IVA

Il Premier Mario Draghi ha sviluppato 26 articoli per il nuovo decreto sostegni: dalle partite IVA ai vaccini.

Patrimoniale ed Imu: l'Italia trema con Mario Draghi

 

Il decreto Sostegno sta per diventare realtà: i 26 articoli contenuti nel nuovo decreto del Premier Mario Draghi sono già in bozza in attesa di conferma.

Si parla di 2 miliardi stanziati per i vaccini ed i farmaci per curare il covid. Esattamente 1,4 milioni stanziati per i vaccini e 700 milioni destinati ai farmaci.

Sono stati inoltre previsti 345 milioni per coinvolgere i medici di famiglia nelle campagne di vaccinazione e circa 31 milioni per il prolungamento dei covid hospital.

Nuovo ricalcolo inoltre degli aiuti inizialmente previsti per partite IVA, stagionali e precari, con un indennizzo che inizialmente era stato valutato sui 1000 euro, ma l’intervento del bonus “sostegno” di Draghi dovrebbe dividerlo in tre mensilità da 800 euro.

Per le partite IVA al via anche il decreto ristori con un aiuto stanziato di 2,7 miliardi di euro da distribuire per coloro che abbiano perso durante il 2020 almeno il 33% del fatturato totale.

Decreto “Sostegno”, la bozza è pronta, presto reali gli aiuti alle partite IVA e per i vaccini covid

Confermati dunque gli indennizzi che verranno inviati alle IVA, con quattro livelli percentuali di aiuto: si parla di percentuali del 15, 20, 25 e 30%.

Presto la firma del Premier Mario Draghi sul nuovo decreto sostegni, un concreto aiuto alle partite IVA in difficoltà.

Il sostegno arriva per tutti coloro con un aumento delle sanzioni per non aver pagato le rate di rottamazione e stralcio entro il 1° marzo. L’aiuto sarà per coloro che hanno debiti fino a 5.000 euro. Finalmente un aiuto assolutamente concreto.

Il termine riguarda le rate del 2020 ancora non versate a cui si aggiunge la prima rata del 2021 della rottamazione-ter.

Per le cartelle fino a 5000 euro si propone invece una nuova rottamazione, la quater, in due anni consentendo ai debitori dello Stato di pagare solo il valore nominale della cartella senza interessi e sanzioni.