Whatsmenu city, la nuova piattaforma raduna i ristoranti e mantiene il filo rosso con i clienti, che potranno chattare su Whatsapp direttamente col ristoratore.

Whatsmenu ristorazione
Foto di Pexels da Pixabay

Forse è l’intro “Whats” che porta bene. Dopo Whatsapp, infatti, viene fuori Whatsmenu.city, una piattaforma creata appositamente per sostenere in modo concreto i ristoratori. Fra le categorie imprenditoriali più colpite dalla pandemia, il supporto web in questione serve ad allontanare per un po’ i fantasmi della chiusura definitiva ma, soprattutto, a mantenere un filo diretto coi proprio clienti pur senza vederli. Whatsmenu, tuttavia, si propone anche come deterrente alle varie piattaforme di intermediazione cresciute esponenzialmente durante il periodo del coronavirus. E che, a oggi, rappresentano il must del mercato.

Messa online nel nostro Paese grazie a Uese Italia, compito della nuova piattaforma sarà regolare il servizio da asporto. E, a sentire il nome, non è un caso che il filo rosso sarà mantenuto proprio tramite Whatsapp. I clienti, infatti, potranno ordinare direttamente tramite l’app il cibo che intendono portare a casa, dialogando esclusivamente con il ristorante, senza intermediari a filtrare gli ordini.

LEGGI ANCHE >>> Vino in pegno per ottenere credito in banca: la “pazza idea” delle cantine piemontesi

LEGGI ANCHE >>> TFR: quando e perché all’ex coniuge spetta di diritto una quota

Ristoratori a tavola con i clienti: con Whatsmenu si può

Non male, considerando che il rapporto con il pubblico, giocoforza, è estremamente limitato dal Covid-19 e dalle sue restrizioni. Riuscire a mantenere una sorta di fidelizzazione, quindi, diventa fondamentale in una fase in cui la preservazione della relazione con i clienti rappresenta l’unica vera arma contro le chiusure forzate. In questo senso, il dialogo recupera importanza e, soprattutto, conferisce credibilità al ristoratore, non più un’entità filtrata da un intermediario che consegna l’ordine.

Un sistema che pure ha funzionato ma che, in qualche modo, toglieva autenticità ai rapporti fra chi vende e chi compra. La registrazione è semplicissima: per i ristoratori sarà sufficiente inserire sui social il codice Qr per essere presenti su Whatsmenu. Di conseguenza, per comunicare con loro basterà scansionare il Qr-Code del proprio Whatsapp ed ecco che la chat sarà garantita. Un modo anche per rapportarsi col proprio ristorante di fiducia che, probabilmente, a tavola per cena non ci vede da un bel pezzo.