Quanto guadagnano in una sera i musicisti di Sanremo? Tutto quel che c’è da sapere sul cachet del Festival più famoso d’Italia.

Vince la 71esima edizione del Festival di Sanremo.. ” Mancano pochissime ore e finalmente si apriranno le tende del Teatro Ariston. Come ogni anno, faremo il pieno di emozioni con nuovi ritorni sulla scena musicale, cantanti emergenti, ospiti attesissimi ed i famosi conduttori. Sarà un’edizione sicuramente particolare, per via dell’assenza del pubblico, che a causa della situazione pandemica in corso, non potrà partecipare fisicamente al festival, ma non mancherà lo sfarzo ed il lusso che da sempre, caratterizzano l’evento. Ma è sempre tutto oro quel che luccica? Prendiamo sempre in considerazione lo stipendio di chi presenta e partecipa come ospite. È molto elevato. Mentre per chi lavora tutti i giorni come musicista, a quanto ammonta lo stipendio? Scopriamolo insieme.

LEGGI QUI >>> Sanremo 2021: quanto guadagneranno Amadeus, il cast e gli ospiti

LEGGI QUI >>> La pandemia incide poco: quanto (ci) costerà il Festival di Sanremo

Quanto guadagnano gli operatori di Sanremo 2021?

Dietro al festival c’è una preparazione molto elaborata. Esistono figure che lavorando con duramente per la buona riuscita delle cinque serate. Non sempre però ottengono un compenso adeguato. Sapete quanto guadagna, ad esempio, un musicista dell’orchestra di Sanremo 2021? Il compenso è di soli 50 euro al giorno ( Circa 1.930 euro lordi per i circa 40 giorni di lavoro più 180 euro di rimborso spese. Vi aspettavate di più vero? Sono cifre davvero basse se paragonate ai compensi destinati agli ospiti ed ai conduttori. A fronteggiare questo problema, arrivano in sostegno i sindacati.

Cosa ne pensano i sindacati in merito ai compensi di Sanremo 2021?

Condizioni inaccettabili che svelano, ancora una volta, come dietro luci sfavillanti e giacche doppiopetto il mondo dello spettacolo in Italia non riconosca il lavoro degli artisti anche se, proprio sulle loro capacità e competenze, mette in piedi fruttuosi business”. Queste le parole della Sindacalista e segretaria del CGL Emanuela Bizi, in un intervista rilasciata lo scorso anno.