Affitto: cosa fare se non si riesce a pagare il canone

Fonte: Pixabay

In un momento particolarmente difficile come quello attuale sono tante, purtroppo, le famiglie a riscontare delle difficoltà nel pagamento del canone dell’affitto. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa si può fare in una circostanza di questo tipo.

Fonte: Pixabay

Gli ultimi mesi sono stati segnati dal Covid che continua ad influire negativamente sulle vite di tutti noi. A partire dal distanziamento sociale, passando per le limitazioni negli spostamenti, fino ad arrivare a tutte le varie altre restrizioni, sono davvero tante le cose a cui dover prestare attenzione. Oltre all’aspetto sociale, però, a risultare maggiormente colpiti da questa situazione sono i portafogli di molte famiglie. Sono tanti, purtroppo, gli imprenditori che si sono ritrovati a dopo chiudere, almeno in via temporanea, le proprie attività, con inevitabili conseguenze dal punto di vista della gestione del budget famigliare.

Sempre più persone si ritrovano a dover fare tutti i giorni i conti in tasca prima di poter comprare qualcosa e se tutto questo non bastasse bisogna prestare attenzione alle varie scadenze da rispettare. Tra questi si annovera il canone di affitto, che si rivela essere un ulteriore macigno per tutti coloro che si ritrovano a vivere un momento di crisi. Proprio in questo contesto, quindi, sono in molti a chiedersi cosa è possibile fare nel caso in cui non si riesca a pagare il canone di locazione. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Affitto al tempo del Covid, brutte notizie per chi non riesce a pagare

LEGGI ANCHE >>> Affitto, brutte notizie per gli inquilini morosi: cosa può fare il proprietario

Affitto, cosa fare se non si riesce a pagare il canone: gli effetti della lettera di sospensione

casa affitto
Fonte: Pixabay

Come già detto, in seguito all’impatto negativo del Covid sulla nostra economia, sono tante, purtroppo, le famiglie a riscontrare delle difficoltà nel pagamento del canone di locazione, a prescindere che si tratti di un immobile ad uso commerciale piuttosto che abitativo. Ebbene, bisogna sapere che sono varie le Regioni e Comuni italiani che nel corso degli ultimi mesi hanno deciso di stanziare dei fondi per aiutare le famiglie maggiormente colpite dalla crisi. Oltre alla possibile richiesta di aiuti, però, bisogna sapere che, in determinati casi, è possibile chiedere la sospensione del pagamento dell’affitto.

In caso di impossibilità sopravvenuta nel pagare il canone di affitto per cause non imputabili al conduttore, infatti, è possibile presentare una lettera di sospensione. Quest’ultima deve indicare gli estremi del contratto di locazione e i motivi per cui risulta impossibile rispettare le relative scadenze. Il locatore, quindi, potrà decidere di sospendere momentaneamente il pagamento, ridurre l’importo oppure concedere l’esonero. In ogni caso il conduttore, vista le cause a lui non imputabili, non può essere considerato responsabile del ritardo dei pagamenti.