Come andranno in pensione le casalinghe senza contributi? Le informazioni INPS

Una casalinga può ricevere la pensione anche se non ha mai versato i contributi? A quanto ammonta la rendita? Tutto quello che c'è da sapere sulla situazione pensionistica delle casalinghe italiane

Una casalinga può ricevere la pensione anche se non ha mai versato i contributi? A quanto ammonta la rendita? Tutto quello che c’è da sapere sulla situazione pensionistica delle casalinghe italiane.

Casalinghe: fino a 1.292 euro dall'Inail per chi subisce questi infortuni
Una casalinga (Fonte foto: web)

Arriva un momento della propria vita, in cui ci si inizia a domandare quanti anni mancano alla pensione. Ma cos’è la pensione? Può essere definita come un “lavoro” differito, ovvero, ogni lavoratore durante il suo percorso lavorativo, rinuncia ad una quota del proprio salario, versando i contributi alla cassa previdenziale Inps, al fine di garantirsi una rendita per quando non sarà più in grado di sostenere il lavoro. “Come possono andare in pensione le casalinghe che non hanno versato i contributi? “Cerchiamo di chiarire il concetto e rispondere a questa domanda.

LEGGI ANCHE >>> http://INPS BONUS

LEGGI ANCHE >>> 3000 euro per le famiglie con figli: Bonus Inps senza limiti di Reddito

In pensione senza contributi Inps, a quali tipi di pensione si può accedere?

Quali tipi di pensione possono ricevere le casalinghe? Esistono varie situazioni, in cui l’Inps concede trattamenti di tipo previdenziale e assistenziale alle donne che da sempre, si sono occupate della casa. Vediamo insieme quali sono:

  • Pensione Fondo INPS e INAIL per casalinghe
  • Assegno sociale per le casalinghe senza anni di contributi
  • Pensione di cittadinanza per le casalinghe
  • Pensione di reversibilità INPS in caso di morte del coniuge.

Pensione Fondo INPS e INAIL per casalinghe

Nel caso in cui una casalinga è regolarmente iscritta al Fondo INPS ed ha regolarmente versato cinque anni di contributi, ha diritto alla rendita previdenziale. Determinata iscrizione comporta anche una copertura assicurativa obbligatoria da parte dell’ INAIL (Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro). Tale sussidio, consente una copertura in caso di incidenti domestici.  Se a seguito dell’incidente si certifica un’ inabilità, la casalinga può avere diritto ad una rendita.

Assegno sociale per le casalinghe senza anni di contributi

Per le casalinghe che non hanno mai versato in nessuna cassa previdenziale, esiste la possibilità di ricevere una sorta di “pensione” sociale. E’ un tipo di sussidio di  natura assistenziale riservato alle categorie meno abbienti e con un reddito inferiore o uguale a  5.983,64 euro se non coniugati, 11.967,28 euro se coniugati. Per il 2021 l’importo mensile dell’assegno sociale è pari a 460,28 euro per 13 mensilità.

Pensione di cittadinanza per le casalinghe

Questa rendita è riservata a coloro che abbiano un’età superiore ai 67 anni e abbiano un reddito non al di sopra di 9.360 euro, un valore degli immobili di 30.000 euro; un valore mobiliare non superiore a 6.000 euro.

Pensione di reversibilità INPS in caso di morte del coniuge

Nel caso in cui la casalinga sia a carico del coniuge, e questo muoia, la vedova, potrebbe avere diritto alla pensione indiretta o di reversibilità INPS. La percentuale di reversibilità  varia in base alla eventuale presenza di altri familiari o figli a carico.