Aveva cocaina e 12 mila euro in casa: arrestato immigrato irregolare

Immigrato irregolare

Un immigrato irregolare in Italia di origini albanesi è stato arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti oltre che per un ingente quantitativo di denaro

Immigrato irregolare

Una storia come tante, solo che quando di mezzo c’è un immigrato fa sicuramente più rumore. Un ragazzo di 24 anni proveniente dall’Albania e non regolarizzato in Italia, è stato trovato in possesso di 7 grammi di cocaina e di 12mila euro in contanti sparsi in vari cassetti del suo domicilio di Massa Lombarda (provincia di Ravenna). 

Immediato l’arresto per la detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Una tesi non confermata, ma avvalorata dall’utilizzo del bilancino di precisione (che viene utilizzato in questo genere di attività) oltre che di forbici e bustine che lasciano presagire una vendita al dettaglio.

LEGGI ANCHE >>> Immigrati: un milione di loro potrebbe comprare casa in Italia

LEGGI ANCHE >>> Ragazzo nigeriano restituisce portafogli: la reazione del proprietario è incredibile

Immigrato irregolare rilasciato poco dopo l’arresto

Altro elemento che non torna è il possesso considerevole di contanti. Una somma decisamente elevata per una persona che non ha fonti di reddito verificabili. Per effetto di ciò la procura ha convalidato l’arresto oltre che la perquisizione effettuata dai carabinieri. 

L’avvocato dell’uomo Gian Luigi Manaresi sta ponderando di chiedere il dissequestro del denaro visto che il suo assistito è incensurato e non ha precedenti di polizia. Motivo per cui è stato immediatamente liberato, anche perché non ci sono delle vere e proprie esigenze cautelari.

Naturalmente rimarrà sotto osservazioni in attesa dello sviluppo delle indagini inerenti sia il denaro che la sostanza stupefacente. Il primo passo è capire se tra le due cose ci sia o meno una reale correlazione e nel caso qual è il giro di affari a cui sarebbe collegato.

Una situazione spinosa visto che di mezzo c’è un cittadino straniero che non ha ancora regolarizzato la sua posizione in Italia. Le condanne pubbliche preventive in queste circostanze sono sempre dietro l’angolo.