In quali casi si è esenti dal pagamento del Ticket sanitario? Le condizioni sono due, con particolari e peculiari requisiti. Vediamo quali.

Se è vero che in alcuni scatta l’esenzione dalle tasse, è anche vero che non per tutti funziona allo stesso modo. Per accedere a un tale condizione, infatti, è necessario che maturino determinati requisiti, così da consentire di essere esenti da determinati versamenti che, in altre circostanze, sarebbero stati obbligatori. Uno di questi casi è certamente quello del Ticket sanitario. Il quale, fra le tasse da cui si può essere esentati, è certamente quello che offre una maggiore gamma di variabili. Sostanzialmente due ma decisive visto che si tratta di requisiti anagrafici e reddituali.

In sostanza, qualora si abbia diritto all’esenzione dal Ticket sanitario, lo si avrebbe per due ragioni: avere un’età superiore o inferiore a una determinata soglia, oppure avere un reddito al di sotto dello standard che renderebbe automatico il pagamento. Nel primo caso, si parla delle esenzioni di tipologia E01 ed E04. Nel secondo si andrebbe a valutare le condizioni sociali. Nel 2021 le novità non saranno tantissime e sono tutte contenute nel testo della Legge di Bilancio.

LEGGI ANCHE >>> Bonus senza Isee: come ottenere fino a 3.000 euro

LEGGI ANCHE >>> Pensioni, ecco lo schema di marzo: arrivano date e importi

Ticket Sanitario, l’esenzione 2021: a chi tocca e perché

Prima di tutto i limiti anagrafici. Sono sicuramente esclusi dal pagamento del ticket coloro che hanno superato i 65 anni di età oppure che non hanno raggiunto i 6, e che abbiano (nel secondo caso fisiologicamente) un reddito inferiore 36.151,98 euro annui. Sono inoltre esentati dal pagamento coloro con reddito al di sotto degli 8.263,31 euro, alzato a 11.362,05 se con coniuge. Inoltre, si avanzerebbe di 516,46 euro per ogni figlio a carico. A condizione che l’età dell’interessato dalla politica di esenzione sia superiore ai 60 anni.

Il tetto dei circa 8 mila euro (in questo caso 8.231,31) sarà valido anche per i disoccupati con reddito al di sotto di tale soglia. Restano validi gli stessi incrementi pensati per gli over 60 (11.362,05 per coniuge e di 516,46 per ogni figlio a carico). Restano esclusi dalla tassazione anche i titolari di assegno sociale. In questo caso la soglia di reddito non sarà pertinente come per i disoccupati, in quanto la prestazione viene di per sé erogata a nuclei familiari o cittadini in condizioni di disagio economiche e con sogli di reddito già al di sotto di quelle previste per legge.