Ing Direct è la banca online più importante al mondo. Fa capo a Ing Bank N.V. Ecco cosa pensano gli utenti del suo Conto Arancio.

Mutuo arancio online ingdirect

Ing Direct è stata fondata nel 1991 ad Amsterdam, creando una rete internazionale in poco tempo. Nel 2001 è giunta in Italia, con il conto deposito Conto Arancio. La prima filiale nel nostro Paese è stata aperta in Lombardia, attualmente ce ne più di 30, con più di un milione di clienti. Offre prodotti finanziari in grado di assicurare guadagni netti non elevati, ma con tassi d’interessi competitivi rispetto a quelli presenti sul mercato.

Nella sua storia ha avuto due importanti crisi. La prima da ricondurre nei mercati esteri, quando nel 2008 ha tentato di sostenere il debito islandese. Tale operazione non andò a buon fine e la banca ha rischiato di perdere più del 20% delle sue quotazioni. Si riprese solo grazie all’intervento del governo olandese.

Tra il 2019 e il 2020 è stata colpita da due provvedimenti da parte della Banca d’Italia. Nel primo caso ha provveduto a bloccare per Ing Direct la possibilità di acquisire nuovi clienti, in quanto ritenuta non in linea con le norme sull’antiriciclaggio. Successivamente la Banca d’Italia ha sanzionato Ing Direct per circa 3.5 milioni di euro per “carenze negli obblighi di adeguata verifica della clientela, collaborazione attiva e conservazione di dati e informazioni”.

LEGGI ANCHE >>> Conti correnti, occhio ai costi: ecco le banche più convenienti

LEGGI ANCHE >>> Risparmi, occhio alla fregatura: gli addebiti che bruciano i vostri soldi

Ing direct è una banca online sicura?

Per tale motivo è necessario chiedersi se effettivamente tale banca sia realmente sicura. Ing Direct è presente in più di 40 paesi con più di 40 milioni di clienti. Nel 2019 il fatturato è stato di 17.7 miliardi di euro, con un utile di 5 miliardi di euro.

In base a quanto dichiarato dalla Banca Centrale Europea il CET1 del 2019 è pari al 14,5% ed è superiore alla media delle banche europee. Un andamento in crescendo anche se si analizza il trend bancario dei tre anni precedenti.

I prodotti di ING Direct: non solo Conto Arancio

Ing Direct, al di là della sua solidità, offre dei prodotti veramente interessanti, i principali sono:

  1. Conto Arancio: conto deposito creato per sfruttare al massimo la liquidità del conto. Completamente gratuito, il Conto Arancio ricevere versamenti effettuati da un altro conto corrente senza limiti di importo. C’è inoltre la possibilità di attivare Arancio+ che permette di aumentare i rendimenti sugli importi risparmiati.
  2. Conto Corrente Arancio: consente di effettuare, a costo zero o a costi molto bassi, le principali operazioni bancarie. La carta di debito collegata a tale conto può essere utilizzata su tutti i circuiti nazionali e internazionali.
  3. Investimenti Arancio: sono previsti diversi prodotti convenienti, per esempio Borsa protetta Arancio, fondi di Formula e Profilo Arancio.
  4. Mutuo Arancio: è un mutuo a zero spese di apertura e di gestione. Il tasso è annoverato tra i più competitivi. La banca consente di affiancare il cliente a un esperto in modo da verificare la strategia migliore per non avere problemi nella rateizzazione. Il mutuo può essere a tasso fisso o variabile e sono previste varie opzioni nel caso il mutuo serva nell’acquisto di un immobile.

Ing Direct: le opinioni positive

Quali sono i punti di forza di Ing Direct secondo il giudizio dei suoi clienti o di chi ha provato i prodotti Ing Direct?

  • Banca semplice, trasparente e sicura.
  • Essendo una banca online consente di offrire molti dei servizi finanziari senza la necessità di filiali.
  • Costi minimi, se si acquista il pacchetto standard il canone sarà di 2 euro al mese.
  • Tra le banche online più complete per quanto riguarda le operazioni bancarie consentite.
  • La banca prevede un tasso d’interesse pari al 2% su tutte le somme vincolate per almeno sei mesi. Nel caso il correntista non voglia avere vincoli allora il tasso sarà dello 0,10%.

Ing Direct: le opinioni negative

  • La banca non prevede prodotti più complessi.
  • Servizio di assistenza non sempre disponibile.
  • La piattaforma spesso non offre prestazioni ottimali.
  • Applicazione di commissioni improvvise e non previste.
  • Difficoltà nella chiusura del conto.
  • Difficoltà nell’ottenere il Pin delle carte.