Potrebbero dirvi di avere il Pos guasto, in questo modo voi non potrete partecipare al cashback ed alla Lotteria degli scontrini

Ti diranno che il Pos è guasto: la scusa per cashback e Lotteria scontrini
Pagamento Pos (Fonte foto: web)

Sono ormai ufficialmente partite le iniziative, cashback e Lotteria scontrini. Alcuni clienti però, trovano ancora difficoltà ad effettuare pagamenti tramite carta. Questo perché spesso i commercianti dicono di avere il Pos guasto. Come mai?

Molte volte, anche i più onesti tra i contribuenti che vogliono partecipare i bonus pensati dallo Stato, trovano dei commercianti che si rifiutano di farli pagare con carta, con la scusa del macchinario guasto. Anche i problemi di linea o l’aggiornamento in atto, sono spesso prese in considerazione dagli esercenti, come scuse. Il che avviene soprattutto perché questo sistema, fatto con mezzi tracciabili, è soggetto a commissioni bancarie.

Leggi anche>>> Super cashback: per colpa dei “furbetti” potrebbe essere abolito

Leggi anche>>> Cashback e lotteria degli scontrini flop: l’ira dei commercianti

Dicono che il Pos è guasto: ma cosa non va?

Naturalmente, se il Pos non fosse realmente rotto, tutto questo non è giustificabile, anche perché gli esercenti hanno ricevuto diverse offerte da Istituti di credito e banche. Banca Intesa, Deutsche Bank e Nexi, per esempio, hanno promesso un rimborso delle commissioni per tutto il 2021 sui pagamenti fino a 10 euro.

Inoltre, è supposto il credito di imposta al 30% sulle commissioni pagate dagli esercenti, proprio per fare in modo che questi accettino i pagamenti in forma digitale. Il credito di imposta può essere utilizzato nel modello F24 a compensazione delle imposte da pagare. Il mese successivo quindi, vedrà verificarsi la compensazione.

Ma ci sono ancora offerte convenienti, come quelle dell’Unicredit che non applicherà commissioni al di sotto di 10 euro di transazione e per i Pagobancomat dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021 annullerà le commissioni per i pagamenti fino a 5 euro. Poi abbiamo BancaSella che applica uno sconto del 50% sull’attivazione di Paybylink. Ce ne sono comunque anche altre, e niente giustifica un esercente dal rifiutare un pagamento digitale, qualora il Pos non fosse davvero guasto al momento.