Cashback e lotteria degli scontrini flop: l’ira dei commercianti

Sia il cashback che la lotteria degli scontrini hanno avuto ufficialmente inizio, ma solo in pochi decidono di aderire. Un vero e proprio flop, in alcuni casi, che finisce per scatenare l’ira dei commercianti.

Lotteria scontrini

Dal 1° febbraio 2021 è iniziata ufficialmente la lotteria degli scontrini. Al fine di partecipare a questo programma è sufficiente acquistare beni e servizi, dal valore pari ad almeno un euro, presso esercenti in grado di trasmettere telematicamente i corrispettivi. In questo modo, infatti, vengono generati dei biglietti virtuali validi per prendere parte alla prima estrazione. Un’iniziativa, quella della lotteria degli scontrini, pensata dal precedente esecutivo, con lo scopo di disincentivare l’uso del contante.

Una finalità, quindi, che l’accomuna al programma cashback. Quest’ultimo, infatti, è stato introdotto al fine di incentivare l’uso degli strumenti elettronici grazie ad un rimborso del 10%, fino a un massimo di 150 euro. Molte le persone che hanno deciso di aderire a tale iniziativa, tanto da essersi ritrovati a dover fare i conti, nel corso delle ultime settimane, con un vero e proprio boom dei cosiddetti furbetti del cashback. La situazione, però, non è uguale dappertutto, con alcuni posti dove entrambe le iniziative si sono rivelate essere dei veri e propri flop, tanto da scatenare l’ira dei commercianti.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, attenti agli acquisti esclusi dal bonus: ve li diciamo noi

LEGGI ANCHE >>>  Scoperto furbetto del cashback: l’assurdo trucco al distributore di benzina

Cashback e lotteria degli scontrini flop a Cagliari: i commercianti chiedono il rimborso

Lotteria scontrini: sarà obbligatoria per l'esercente? Ecco la risposta
Scanner scontrini (Fonte foto: web)

Come si evince dai racconti di alcuni commercianti a Casteddu Online, la lotteria degli scontrini sembra non aver attirato particolare interesse a Cagliari. Questo, perlomeno, sembra non avvenire nei negozi di abbigliamento e gioiellerie del centro. Come raccontato da Paolo Angius, titolare di una valigeria a Cagliari, infatti, solo “Sette richieste in 17 giorni per la lotteria degli scontrini, il cashback? Manco a parlarne“. Se da un lato sono in pochi ad aver, almeno per il momento, aderito all’iniziativa, dall’altro canto i commercianti hanno dovuto sborsare un bel po’ di soldi per adeguare il registratore di cassa.

Per evitare problemi ho fatto anche questo sacrificio, che però mi è costato, e anche tanto“, ha infatti affermato il signor Angius. Per poi aggiungere: “E allora ci rimborsino almeno il costo per farlo funzionare“. Parole che trovano d’accordo anche Stefano Rolla, gioielliere e presidente dell’associazione dei commercianti Strada Facendo. Sempre a Casteddu Online, infatti, anche Rolla ha chiesto che “il nuovo Governo ci rimborsi dell’intera spesa, mi sembra come minimo un atto dovuto“.