Ci si chiede in quale caso, è un bene togliere tutti i soldi dal conto corrente per trasferirli sul libretto di risparmio

Chiudere il conto corrente e tenere i soldi sul libretto di risparmio: conviene?
Carte di credito (Fonte foto: web)

I soldi è meglio tenerli in banca o sui conti delle Poste? I consumatori si pongono questa ed altre domande, per la sicurezza dei propri conti corrente. Ma a questo punto la domanda principale da porsi è se ne vale la pena di chiudere il conto corrente per trasferire tutti i soldi sul libretto di risparmio postale. Questo, perché capita spesso di pagare agli istituti dei conti corrente, servizi che poi non si utilizzano.

Sempre più di frequente, i correntisti, che possono calcolare i propri costi di gestione tramite estratto conto, lamentano un aumento di quelle spese che non gravano invece su chi riceve promozioni per l’apertura del conto. Quindi è possibile che un correntista, ma dipende dall’uso che fa dei servizi del proprio c.c., possa trovare beneficio nel passare tutti i soldi su un libretto di risparmio.

Leggi anche>>> Postepay Evolution fa al tuo caso? Scopri costi, sconti e numero verde

Leggi anche>>> Vuoi aprire un conto corrente online? La classifica delle banche più sicure

In quale caso ci converrebbe estinguere il conto corrente

Ad alcuni, come detto, può davvero convenire togliere i soldi dal conto corrente, per trasferire la giacenza su un libretto postale. Sono quei correntisti che non sfruttano tutti i servizi e non godono di grandi margini di operatività. Di fatto, il libretto postale avrà quasi sempre dei costi inferiori a quelli dei normali conti corrente. Per questo, è giusto valutare quanto ed in che modo si usa il conto, per poi prendere la decisione finale.

Se il conto è utilizzato come una cassa, in cui mettere da parte risparmi e come strumento per l’accredito di pensioni o stipendi, probabilmente prenderemo in considerazione l’opzione di cui sopra. Se l’operatività è davvero ridotta, come può essere nel caso di una persona anziana o di un minore, è certamente conveniente aprire un libretto postale.

Invece, potrebbe essere riduttiva la stessa opzione per i correntisti che effettuano una serie di operazioni di prelievo e versamento e che usano spesso i servizi che offre la banca. Per questo, sarà lo stesso singolo consumatore, dopo un’attenta analisi, a capire se estinguere il conto corrente per spostare tutto su un libretto, sarà un bene o meno.