Per la prima volta in Italia, e anche in Europa, una Ferrari è stata venduta tramite bitcoin. Entriamo nei dettagli e vediamo dove è successo.

Fonte foto: Pixabay

Inventata nel 2009, da allora il bitcoin è diventata la criptovaluta per eccellenza. Conosciuta in tutto il mondo, infatti, è riuscita ad attirare un interesse sempre maggiore da parte di un numero crescente di investitori, tanto da raggiungere dei valori alquanto sorprendenti. Conosciuto anche come oro digitale, però, sono in pochi a sapere che in realtà è possibile utilizzare i bitcoin anche per acquistare vari beni e servizi.

Spesso, infatti, ci si dimentica, eppure bisogna sapere che sono davvero molti gli esercenti che negli ultimi anni hanno deciso di accettare questa moneta digitale come forma di pagamento. A partire da alcuni ristoranti, fino ad arrivare agli hotel, infatti, vi è l’imbarazzo della scelta. Ma non solo, è possibile acquistare anche una Ferrari. Ebbene sì, è quanto successo in Italia, dove per la prima volta nel nostro Paese e in Europa è stata venduta un’auto a fronte di un pagamento in criptovaluta. Ma come è possibile? Entriamo nei dettagli e scopriamolo assieme!

LEGGI ANCHE >>> Criptovalute: al via i pagamenti in bitcoin anche per Paypal

LEGGI ANCHE >>> Viaggia con la Ferrari: in tasca il Reddito di Cittadinanza

Compra una Ferrari con i bitcoin a Padova: Tesla battuta sul tempo

Fonte: Pixabay

Soltanto qualche giorno fa Tesla ha reso noto un investimento pari a 1,5 miliardi di dollari in bitcoin, annunciando la volontà di accettare, nel breve periodo, i pagamenti tramite questa criptovaluta per la vendita delle proprie auto. Una notizia che ha destato inevitabilmente molto scalpore, tanto da permettere al cosiddetto oro digitale di raggiungere dei valori da record. Ebbene, dovete sapere che in realtà il colosso guidato da Elon Musk è stato battuto sul tempo. Prima di Tesla, infatti, già un’auto è stata venduta proprio a fronte di un pagamento in bitcoin.

Si tratta di una Ferrari 360 Modena acquistata per un valore pari a 76 mila euro, corrispondenti a circa 2 bitcoin. Una vicenda che ha avuto luogo per la prima volta proprio in Italia, consentendo al nostro Paese di registrare un primato davvero unico nel suo genere. Entrando nei dettagli la vendita è stata realizzata a Padova, grazie alla collaborazione tra la concessionaria di auto sportive di lusso Veloce Classic e la società tinkl.it S.r.l. Quest’ultima, ricordiamo, offre un servizio a costo zero grazie al quale gli imprenditori interessati possono accettare pagamenti tramite criptovaluta, ottenendo in cambio un bonifico del corrispettivo valore in euro.