Mania della spesa? Ecco come comprare tutto spendendo solo 20 euro

Per chi è oculato saranno consigli noti. Per chi non riesce a contenere i costi, la spesa con una sola banconota si può fare in questo modo…

Spesa supermercato
Foto di Tumisu da Pixabay

Una famosa striscia del fumettista Zerocalcare è alquanto indicativa sul modo di fare la spesa. Soprattutto per chi, come il protagonista della scena in questione, deve farla solo per sé stesso, ma anche per chi ha una famiglia a cui pensare. Ecco, nella vignetta accadeva che il giovane personaggio, pur tentando ogni volta di variare la sua lista della spesa, frenato dalla sua coscienza finiva sempre per comprare le stesse cose, spendendo la medesima cifra (trentacinque euro).

Come sempre, i fumetti sono un buono specchio della realtà. Esistono tante persone che nel fare la spesa cercano di badare “a spese”. Gioco di parole a parte, è una scenetta che potrebbe ricondurre a molti comportamenti che, magari senza accorgercene, assumiamo ogni volta che entriamo in un supermercato.

La caccia all’offerta, fra quegli scaffali, è probabilmente lo sport preferito. Ed ecco quindi che possono concretizzarsi gli episodi più incredibili. Fra questi, riuscire a tornare a casa non solo avendo comprato tutto il necessario ma anche estraendo dal portafogli esattamente la cifra prefissata. Si può fare sul serio.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente, stangata in arrivo: torna l’incubo della patrimoniale

LEGGI ANCHE >>> Governo Draghi, bonus e reddito di cittadinanza: un futuro da riscrivere

Mania della spesa? Con questi consigli si compra e si risparmia

Ventidue euro. Tredici in meno dei 35 del fumetto e più dei 20 che, spesso, equivalgono ad appena un paio di prodotti. Il trucco sta tutto nel metodo, che in realtà non è nemmeno così difficile. Innanzitutto va precisato, e questo bisogna farlo a casa, quali siano i prodotti realmente indispensabili. Dopodiché, procedere selezionando accuratamente quanto ne serva e in quale tipologia, eliminando dalla lista quelli che magari sono fuori stagione o poco utili nell’immediato.

Un elenco completo di prodotti vedrebbe ad esempio delle verdure (quelle di stagione) che non superano quasi mai l’euro al chilo. Una confezione di uova che, anche si ottima qualità, difficilmente vedremo sopra i 2 euro in scatole da 12. E poi il latte, certo. Ce n’è di tantissime marche e alcune, anche se meno note, offrono un prodotto di qualità. A volte, un litro è anche abbondantemente sotto l’euro.

Per quanto riguarda la carne, il consiglio è di non andare su qualità da prezzi esorbitanti. Almeno non sempre. Pollo e tacchino sono una buona alternativa. A ogni modo, basta ricordarsi che questa è la parte di spesa più costosa. E anche che questo è il vademecum per l’essenziale.