Con il Superbonus, in alcuni casi si può accedere alla detrazione fiscale del 110% di quanto speso. Ecco quando è possibile.

Superbonus

Superbonus e Decreto Rilancio possono significare un ottimo input per rassettare la propria casa. E non da un punto di vista di pulizia ma concretamente attraverso interventi specifici di manutenzione e lavori vari. Il bonus del 110% è stato prorogato dall’ultima Legge di Bilancio, con scadenza 30 giugno 2022. Una buona opportunità, non solo per adeguare la propria abitazione ma anche per accedere a quei vantaggi fiscali senza anticipare versamenti in denaro. Uno strumento differente rispetto alla cosiddetta Cessione del credito.

In pratica, una strategia che potrebbe consentire di accedere a precisi vantaggi, arrivando a un beneficio non indifferente come la riduzione progressiva delle tasse. Questo è valido soprattutto per coloro che, essendo in grado di anticipare le spese, possono accedere direttamente alla detrazione fiscale del 110% di quanto speso nei successivi cinque anni.

LEGGI ANCHE >>> Superbonus e bonifico parlante: l’Agenzia delle Entrate scioglie i dubbi

LEGGI ANCHE >>> Superbonus 110%, pioggia di assunzioni in arrivo: cosa c’è da sapere

Superbonus 110%, cosa succede con la cessione del credito

Qualora si tratti dello strumento di cessione del credito, i lavori andranno comunque pagati di persona, con possibilità di utilizzare un finanziamento. Gli istituti, nel caso del Superbonus, ritirano il credito sulla base di cifre che vanno dal 100% al 105% delle somme spese. Per chi ha la possibilità di accedere all’intero 110% in cinque anni dovrà unicamente prestare attenzione all’incapienza, ovvero non dichiarare il numero sufficiente di tasse da sottoporre a detrazione. Inoltre, in caso di cifre particolarmente elevate, sarà necessario disporre per i cinque anni a venire di redditi imponibili Irpef certi.

Altra soluzione, lo sconto in fattura. In questo caso ad agire sono i fornitori. Ultimo variabile, ancora la cessione del credito. In questo caso, però, occorrerebbe richiedere prima un finanziamento. E questo potrà essere effettuato presso la stessa banca che cede il credito. In tali casi il tasso indicativo si aggira sul 3% annuo. Ci si può pensare.