Chattare con sé stessi è una funzione che su Whatsapp esiste. Basta conoscere un piccolo trucco ed ecco che un piccolo archivio personale sarà a nostra disposizione.

Probabilmente se lo saranno chiesto in molti. Inviare messaggi con Whatsapp è di una facilità estrema ma chissà se lo è altrettanto utilizzarlo per contattare qualcuno di molto più vicino rispetto a un conoscente. Noi stessi naturalmente. Non è un capriccio ma una necessità che può presentarsi in alcune occasioni. Per memorizzare qualcosa, per lasciare in archivio un codice piuttosto che altre informazioni alle quali c’è bisogno di accedere in poco tempo e in momenti in cui altre forme di archiviazione non sono disponibili.

Certo, sono casi particolari. Ma se proprio ci si vuole togliere lo sfizio, è bene sapere che Whatsapp, da buona applicazione di messaggistica istantanea, consente anche di chattare con se stessi. E tutto senza grossi stravolgimenti né scaricando chissà qualche aggiornamento. Basta un semplice trucco, peraltro disponibile e nemmeno troppo nascosto fra le opzioni dell’app di Facebook.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e Vinci, lo Stato vince sempre: ecco quanto guadagna

LEGGI ANCHE >>> Quanto guadagna una cartomante: tutto quello che c’è da sapere

Parlare con sé stessi su Whatsapp: un piccolo aiuto e problema risolto

Ma come si conversa da soli? Niente di eccezionale: basta accedere al servizio di messaggistica e seguire alcune semplicissime istruzioni. Niente di trascendentale naturalmente: innanzitutto andrà creato un gruppo, seguendo la procedura più agevole (la più semplice sono i classici “tre pallini”). Fatto questo, al gruppo basterà aggiungere un solo partecipante. Né più né meno, magari avvisandolo di cosa accadrà subito dopo. Ovvero la sua rimozione immediata.

Questo per una ragione ben precisa. Una volta rimossa l’altra persona, nel gruppo rimarrà un solo partecipante. Noi stessi ovviamente. Il che consentirà all’amministratore del gruppo di scrivere nella conversazione rimasta ormai senza nessuno, di fatto chattando da solo. Una funzione che può sembrare superflua ma che, in realtà, consente di utilizzare una chat come una sorta di archivio, con possibilità di contrassegnare alcuni contenuti come “importanti”. E, cosa ancora più importante, di utilizzare la chat anche nella versione web di Whatsapp, con possibilità di inserire anche file utilizzabili più agevolmente da pc.