Dal 4 febbraio è stata introdotta una novità che facilita e non poco la ricezione dei cedolini delle pensioni. Vediamo come funziona e come si può utilizzare 

pensioni

I cambiamenti sono all’ordine del giorno, ma questo rappresenta una vera e propria svolta epocale. L’Inps infatti ha annunciato tramite un comunicato ufficiale sul proprio portale, che a partire dal 4 febbraio 2021 si può ricevere il cedolino pensione tramite posta elettronica.

Attraverso un nuovo strumento ribattezzato “MyInps” dove si può accedere inserendo i propri dati personali attraverso la Spid, Cie e Cns, i contribuenti potranno usufruire di diversi servizi dedicati alle pensioni.

LEGGI ANCHE >>> Lettere sul ricalcolo delle pensioni, occhio alla beffa: come tutelarsi

LEGGI ANCHE >>> Ritiro pensioni, un consiglio efficace per evitare fila alla Posta

Pensioni, come funziona il nuovo sistema per il controllo del cedolino

Si potrà richiedere la ricezione del cedolino della pensione e la Certificazione Unica direttamente sulla email indicata. Attraverso questo sistema l’utente può verificare oltre al cedolino, l’importo dei trattamenti liquidati mensilmente dall’istituto previdenziale e capire le motivazioni delle variazioni degli importi.

Tra le varie voci proposte dalla schermata figurano: cedolino pensione, ultimo cedolino, confronta cedolino, visualizza cedolini, visualizza prospetti di liquidazione, elenco deleghe sindacali e altri servizi relativi ai dati anagrafici e personali.

Per quanto concerne il calendario delle pensioni del mese di febbraio, a prescindere dal giorno di riscossione la valuta è al 1 febbraio. Chi riscuote alla vecchia maniera dagli sportelli pubblici di Poste Italiane segue la scia dei mesi precedenti con la divisione per iniziale del cognome ed inizio dell’erogazione fissata per gli ultimi giorni di gennaio.

D’ora in poi però sarà tutto più semplice e in caso di dubbi e perplessità basterà accedere alla propria area personale di “MyInps” per verificare il tutto in tempo reale. E per coloro che non hanno dimestichezza con gli strumenti tecnologici non c’è problema, basterà farsi aiutare da figli, nipoti o comunque persone di fiducia che siano più spigliati con Internet e la rete.