Un pensionato si è visto recapitare una bolletta del gas con una cifra da infarto: 90.000 euro. Ecco cosa è accaduto.

risparmio bolletta luce e gas
Fonte: Pixabay

La vicenda riguarda un uomo pensionato del vercellese che ha ricevuto una bolletta del gas con da 90.000 euro.

La compagnia di fornitura, Atena Iren, ha immediatamente comunicato all’azienda che si trattava di un errore tecnico e che, quindi, non verrà addebitato l’importo di 90.000 euro all’utente.

La bolletta incriminata fa riferimento all’ultimo periodo del 2020: 96,05 euro per l’energia elettrica e 90.347,79 euro per il metano.

Questa non è l’unica bolletta con una cifra folle, ma è stata emessa una bolletta con un consumo di gas per circa 80mila euro.

L’azienda è riuscita ad avvisare il primo cliente nel secondo caso invece è stato impossibile rintracciare l’utente.

Ma quando viene addebitata una somma errata, da parte dell’azienda fornitrice, come bisogna fare per rettificare la cifra?

Vediamo insieme.

LEGGI ANCHE >>> Lascia il cellulare al figlio di 7 anni: carta di credito svuotata

LEGGI ANCHE >>> Le compagnie telefoniche pronte a dare i numeri: arrivano i nuovi prefissi

Bolletta del gas e luce: come fare la rettifica della fatturazione

Quando si riceve una bolletta con una somma errata deve essere inviata, all’azienda fornitrice, una comunicazione scritta in cui si chiede la rettifica di fatturazione.

La comunicazione deve contenere le seguenti informazioni:

  • Dati identificativi del cliente (nome, cognome, indirizzo postale o e-mail)
  • Il codice cliente
  • Il codice POD dell’energia elettrica o PDR del gas naturale, che si trovano entrambi sulle bollette
  • I motivi della contestazione.

L’anzienda fornitrice, entro 40 giorni solari dalla data di ricevimento della richiesta scritta, ha l’obbligo di inviare una risposta motivata.

Nella risposta è indicato l’esito degli accertamenti effettuati e, in caso di errore, il fornitore deve provvedere alla rettifica di fatturazione.

La mancata risposta entro il termine dei 40 giorni solari non comporta il risarcimento al cliente.

La risposta dell’azienda deve contenere:

  • Il riferimento al reclamo
  • La verifica nel contratto delle condizioni economiche di fornitura applicate e dei consumi in base sia ai dati rilevati dal contatore sia ai consumi storici precedenti
  • Il calcolo eseguito per la rettifica, se questa viene effettuata.