Un giovane trova per terra un portafogli pieno di soldi e assegni, prima la tentazione poi l’incredibile epilogo che in pochi si aspettano.

Un portafogli pieno di soldi e assegni, per terra, incustodito. Di fronte un ragazzo minorenne, un liceale marocchino che di soldi avrebbe tanto bisogno per andare a far visita alla sua famiglia. La tentazione è forte, ma alla fine prevalgono i valori. Gli stessi valori che non dimostra di avere la proprietaria del tesoretto perduto.

Rifiutiamo di credere che la 60enne che ha perso il portafogli non abbia nemmeno ringraziato il piccolo eroe che glielo ha restituito, solo perché quest’ultimo ha il colore della pelle diverso dal suo. Anche se qualche dubbio può esserci. Eppure è la stessa scuola che frequenta il ragazzo a denunciare il comportamento della signora, con le parole dell’allievo: “nemmeno un grazie”.

LEGGI ANCHE >>>Trova un portafoglio con 10 mila euro: la reazione è incredibile

LEGGI ANCHE >>> Trova portafoglio pieno di soldi al bancomat: la reazione è da applausi

Trova portafogli pieno di soldi: la tentazione e l’incredibile epilogo, nemmeno un grazie dalla proprietaria

Secondo indiscrezioni, in quel portafogli c’erano almeno mille euro in contanti, più le carte di credito e gli assegni. I criminali saprebbero bene come far fruttare un tesoretto simile. Ma Othmane Ait Mhamed Ou Ali criminale non è ha seguito i suoi valori, ha chiamato i carabinieri e di fronte a loro ha visto la proprietaria alla quale ha restituito denaro e documenti.

Il giovane eroe è studente dell’istituto nautico Caio Duilio, a Messina. Ed è la stessa scuola a raccontare la vicenda. Una volta rintracciato, la proprietaria non gli ha detto neanche grazie. Ma lui è felice lo stesso.

“In periodo di crisi la tentazione potrebbe essere molto forte – spiega il liceo – Trovare dei soldi per strada e, che fare? Tenerli o restituirli? È giusto dare o pretendere una ricompensa? Ecco perché ci piace stigmatizzare un gesto che ahinoi è sempre più raro, ma che dimostra, ancora una volta, che in una società complessa e difficile come la nostra, c’è ancora chi crede nei principi e nei valori morali”.