Un uomo titolare di una ricevitoria lotto della provincia di Salerno potrebbe essere processato per aver trattenuto buona parte delle vincite 

Lotto

La Procura di Nocera Inferiore ha richiesto il rinvio a giudizio di un uomo di 57 anni titolare di una tabaccheria (situata Pagani in provincia di Salerno). L’accusa con cui rischia di finire a processo è quella di peculato.

Stando alle indagini effettuate finora sembra che si sia appropriato indebitamente di 64mila euro in virtù di incaricato di pubblico servizio (la sua tabaccheria è una Ricevitoria lotto).

I fatti risalgono all’ormai lontano 2013 ma grazie ad un accurato e lungo lavoro di investigazione è stato possibile constatare alcuni movimenti loschi.

LEGGI ANCHE >>> Lotto, centra la vincita con i numeri ritardatari: la lista aggiornata

LEGGI ANCHE >>> Superenalotto da urlo: la Dea bendata vola nei cieli della Puglia

Lotto: le accuse ai danni del titolare della tabaccheria

I soldi di cui l’esercente si sarebbe impossessato sono quelli delle provvigioni riscosse e non versate all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Le mancate erogazioni hanno fatto scattare le indagini del caso e in seguito una denuncia alla polizia giudiziaria della Procura di Nocera. 

Una volta appurato l’ammanco e il conseguente versamento non effettuato è la scattata la denuncia a piede libero. Il titolare della tabaccheria adesso rischia di andare a processo, ma su questa tematica si esprimerà il Gip, che decreterà se ci sono i presupposti per procedere a livello giudiziario.

Di certo non è la prima volta che si viene a conoscenza di storie simili, ma ci si chiede sempre come sia possibile sperare di farla franca. I controlli in tal senso sono sempre più rigidi e serrati (come è giusto che sia), quindi è bene intraprendere una volta per tutte la strada della legalità. Solo in questo modo si può evitare di incorrere in queste situazioni spiacevoli e perché no imbarazzanti.