L’anno scorso tre vittorie con serie di numeri quasi consecutive, quest’anno la quarta. Un deputato leghista porta il presunto caso in Parlamento.

Lotteria Ferno

Vincere è sempre bello, ma vincere troppo può destare sospetti. Non “troppo” nel senso di cifra ma nel numero stesso delle vincite. Il caso di Ferno, cittadina del Varesotto, era già stato attenzionato lo scorso anno, quando la Lotteria aveva fatto registrare ben tre successi. Ora torna a riemergere, vista la nuova vittoria arrivata quest’anno. Quella di un biglietto con premio di terza categoria, ovvero 25 mila euro. Numeri che, visti i 7 mila abitanti del paese, risultano quantomeno importanti.

Lo scorso anno, riferisce ilGiornale.it, il piccolo centro (nel cui Comune è compreso il Terminal 1 dell’aeroporto di Malpensa)  era stato particolarmente fortunato: tre biglietti da 20 mila euro ciascuno. Con la particolarità di avere numeri di serie molto simili, quasi consecutivi.

LEGGI ANCHE >>> Lotteria Italia, baciati dalla fortuna: ecco come riscuotere il premio

LEGGI ANCHE >>> Lotteria Italia, oggi è un giorno migliore: le città dei nuovi ricchi

Lotteria, Ferno fortunata: le troppe vincite finiscono in Parlamento

Una vicenda che ha destato attenzione, soprattutto del deputato leghista Matteo Bianchi, che in un post su Facebook aveva avanzato qualche dubbio: “Ma quella ricevitoria a Ferno è proprio benedetta dalla fortuna o qualcosa non funziona?! Io e il collega Leonardo Tarantino presenteremo di nuovo una interrogazione al Ministero, affinché ci spieghino nel dettaglio le procedure adottate dall’Agenzia delle Dogane. Quattro biglietti vincenti in due estrazioni lasciano a bocca aperta più di una persona”.

Lo stesso Bianchi, lo scorso anno, aveva presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere dei chiarimenti. Nello specifico, l’oggetto della questione era proprio l’estrazione dei tre biglietti vincenti: i tagliandi, presentavano la stessa lettera di serie e addirittura i primi cinque numeri identici. Gli accertamenti avevano evidenziato, come riferì la sottosegretaria per l’economia e le finanze Maria Cecilia Guerra, la regolarità dei biglietti venduti.

Il deputato, tuttavia, aveva fatto richiesta di ulteriori accertamenti, pur dicendosi soddisfatto che i giocatori della lotteria si recassero nella provincia di Varese. Intanto, in Parlamento si prospetta una nuova discussione sull’argomento.