Sono diverse le situazioni in cui un Bonus può essere richiesto senza presentare un modello Isee. Ecco quali.

Bonus

Non è semplicissimo districarsi nella giungla dei Bonus, particolarmente florida in tempi di coronavirus. Tutti strumenti pensati per offrire un punto d’appoggio alla cittadinanza e assicurare quei sostegni che la tradizionale macchina dei consumi non ha più consentito di fornire. Per una serie di questioni, non sempre è stato chiaro quando e come accedere a determinate forme di sostentamento. Anche per questo, forse, è sfuggito ad alcune categorie di persone qualcosa d’importante. Esistono infatti agevolazioni alle quali si può accedere anche senza una dichiarazione Isee.

Nei giorni scorsi avevamo visto come un reddito Isee al di sotto dei 20 mila euro consentisse una serie di agevolazioni e i Bonus. Ora, va ricordato che in alcuni casi determinati fondi disposti dal governo possono essere richiesti senza necessariamente avere a disposizione un modello che attesti il reddito in essere.

LEGGI ANCHE >>> La fauna dei Bonus: tutti quelli per redditi sotto i 20mila che (forse) non ricordavi

LEGGI ANCHE >>> Le carte prepagate che costano di meno

Bonus senza Isee, si può fare: agevolazioni per le famiglie

Ad esempio, può accadere che un modello Isee non serva per i Bonus concernenti la prole. Per accedere a quelli messi a disposizione per gli asili nido (pensato come aiuto al pagamento della retta), ad esempio, non ce n’è bisogno. L’unico effetto collaterale, è l’ottenimento dell’importo minimo fra quelli previsti da tale specifica agevolazione, ovvero 1.500 euro. Stessa cosa per il bonus bebè, richiedibile anche senza Isee ma con importo minimo: 80 euro al mese, 960 annui.

In altri casi invece, come il cosiddetto Bonus “mamma domani”, non ci saranno controindicazioni: potrà essere richiesto senza presentare una dichiarazione e Isee e senza timore di incorrere in contributi minimi. La domanda andrà presentata all’Inps e consisterà nell’erogazione di un contributo di 800 euro, indipendentemente dal reddito ed entro limiti di tempo abbastanza larghi: dal settimo mese di gravidanza al compimento di un anno del bambino. Nessuna brutta sorpresa nemmeno per il Bonus Cashback, per il quale basterà la registrazione all’App IO. Un ulteriore incentivo al suo utilizzo a quanto sembra.