Cashback, si attendono i pagamenti per il contactless: arriveranno?

Tiene ancora banco il tema cashback, visto che ora in tanti si chiedono quando riceveranno i pagamenti: ecco quando sono conteggiati

Se ne parlerà ancora per tanto, anche perché molte cose non sono ancora chiare. Effettivamente, il Cashback di Stato, dopo l’esperimento natalizio, ha aperto i battenti dal 1° gennaio 2021 e premia chi effettua almeno 50 transazioni entro 6 mesi. Ma alcuni utenti, hanno già riscontrato le prime problematiche con le visualizzazioni sulla App IO delle transazioni per i pagamenti contactless.

PagoPa ha spiegato che possono esserci diverse motivazioni, dietro alla mancata visualizzazione da parte degli utenti, di tutte le transazioni. Il problema è relativo ai pagamenti effettuati in modalità contactless, e quindi avvicinando carta o smartphone al Pos, senza inserimento della carta stessa.

Ancora, la società PagoPa, spiega che l’app registra le transazioni quando “il sistema gestito da PagoPA”, riceve le segnalazioni “dai soggetti bancari che elaborano i pagamenti effettuati dai cittadini iscritti al programma” .

Leggi anche>>> Pensionamento anticipato: l’INPS fissa tutte le regole

Leggi anche>>> Cashback, transazioni sparite: come capire se si è perso il rimborso

Cashback, i problemi legati ai pagamenti

Spesso, bisogna attendere alcuni giorni prima che una transazione possa essere validata e quindi registrata sull’applicazione. C’è un solo caso in cui l’acquisto può essere escluso. Può essere successo che il pagamento è transitato su un circuito per il quale la carta non era stata attivata. Infatti, se la carta PagoBancomat mostra alcuni circuiti internazionali, è possibile aggiungerla sia come normale PagoBANCOMAT che da carta di debito o di credito, inserendo nell’apposito form il numero riportato sul fronte della carta.

Attivando anche l’altro metodo, il cashback potrebbe essere in grado di riconoscere e quindi finalmente far accumulare le transazioni. Ma la mancata visualizzazione, può dipendere anche da un altro fattore come i tempi di contabilizzazione dei trasferimenti, da parte della banca. In media parliamo di tre giorni, ma potrebbero essere anche di più.

Comunque non è certo che tutte le operazioni saranno valide. Alcune, non rispettano infatti, tutte le condizioni del piano. Ad esempio, può essere accaduto che la transazione non è avvenuta tramite uno strumento di pagamento al momento registrato proprio per il piano Cashback. Un esempio, è proprio la non validità delle carte di debito sul secondo circuito, cioè app come Google Pay o Apple Pay. Questo però è un circuito che presto sarà allineato agli altri.