Truffe notturne: così i nostri soldi spariscono mentre dormiamo

Un po’ di accortezza è necessaria anche quando si dorme. Perché è col favore delle tenebre che un potenziale hacker potrebbe sferrare i suoi attacchi.

Hacker truffe
Foto di B_A da Pixabay

Nel variegato mondo delle truffe online, ecco sbucare qualcosa che davvero potrebbe non farci chiudere occhio. Sembra, infatti, che il potenziale hacker di turno sia in grado di sfilarci i soldi da sotto il naso addirittura mentre dormiamo e senza neanche fargli la cortesia di accedere a un conto corrente online. Naturalmente ci sono le contromosse, ma va detto anche che è difficile accorgersi di qualcosa se siamo addormentati. Ecco perché la vigilanza è sempre necessaria e, soprattutto, serve qualche specifica accortezza.

Niente di eccezionale chiaramente. Il trucco più semplice ma che vale per dieci è quello di effettuare sempre i logout, lasciando ben chiusi tutti i portali d’accesso. Può sembrare una prassi scontata ma non lo è. Capita molte volte, infatti, che nella fretta di iniziare a fare qualcos’altro ci si dimentichi di effettuare le uscite di prassi dalle varie aree riservate. E questo può essere un cattivo affare considerando che gli hacker agiscono a orari ben precisi.

LEGGI ANCHE >>> Contanti sì o no? La scelta dell’Ue può stravolgere la quotidianità

LEGGI ANCHE >>> Striscia svela la clamorosa truffa online: attenti all’Iban del conto corrente

Truffe notturne: gli hacker agiscono col favore delle tenebre

Dal momento che, soprattutto con la pandemia e l’incremento della modalità del pagamento online anche per le cose più semplici, è cresciuta anche l’attività dei truffatori del web, anche la più piccola cautela è la benvenuta. In questo caso, considerando che l’avversario non è nemmeno fisicamente davanti a noi, è bene adottare ulteriori strumenti di prudenza. Specie quando si tratta di dati sensibili, legati a carte di credito o simili.

Ma si diceva della notte. Ecco, sembra proprio che gli hacker agiscano col favore delle tenebre, ossia quando non ci si accorge di notifiche di addebito o di pagamenti effettuati e una potenziale distrazione (come lasciare l’account aperto) può trasformarsi in una brutta gatta da pelare. Recuperare il denaro sottratto è infatti possibile ma le procedure possono essere lunghe e in ogni caso meglio cautelarsi prima di incappare in una situazione simile.