La crisi creata dal Coronavirus non è solo di natura sanitaria, ma anche economica e per questo molte famiglie italiane arrancano.

Fonte foto web

Ecco quindi quali sono tutti i bonus e i sussidi concessi dal Governo in questo nuovo anno appena iniziato per far fronte ai problemi economici di imprenditori, commercianti, artigiani e famiglie.

Per il 2021 sono state rinnovate alcune misure del 2020, ma ne sono previste anche di nuove. Iniziamo con il tanto discusso reddito di cittadinanza. Si tratta di una misura per cittadini in difficoltà che offre non solo un sostegno economico, ma anche la possibilità del reinserimento nel mondo del lavoro.

In realtà molti (in particolar modo le forze politiche di opposizione) lamentano un mal funzionamento della misura poiché sono pochissimi i cittadini che sono stati realmente aiutati a trovare lavoro. Di conseguenza il reddito di cittadinanza per la maggior parte dei percettori è rimasto un mero sussidio economico mensile.

Per poter richiedere il reddito di cittadinanza bisogna presentare una domanda e bisogna avere determinati requisiti, quali essere cittadini italiani o dell’UE. Possono percepirlo anche i cittadini stranieri ma solo di lungo soggiorno in Italia o con permesso di soggiorno valido. Il richiedente deve essere stabilmente residente in Italia da almeno 10 anni, di questi due anni almeno continuativamente.

Ci sono poi anche degli specifici requisiti di natura economica per avere diritto al reddito di cittadinanza: ISEE sotto i 6000 euro con casa di proprietà oppure 9360 euro con casa in affitto; un patrimonio immobiliare prima casa esclusa inferiore a 30mila euro; e altri requisiti relativi ai veicoli di proprietà.

LEGGI ANCHE >>> Volete cambiare vita? Uno dei borghi più belli d’Italia vi offre 44mila euro per farlo

La lista di tutti i bonus e i sussidi messi in campo nel 2021 per contrastare la crisi dovuta alla pandemia

Un altro aiuto, la cui proroga è attualmente allo studio del Governo è il reddito di emergenza. Rivolto solo ai cittadini italiani che possiedono determinati requisiti economici: patrimonio inferiore a 10mila euro per i nuclei familiari più piccoli. La soglia aumenta di 5mila euro per ogni componente in più fino ad un massimo di 20mila euro.

Il valore ISEE massimo per poteri accedere deve essere inferiore a 15mila euro. La domanda va presentata all’INPS (che è l’ente che poi emette questi aiuti) in modalità telematica. Ma bisognerà attendere che la proroga sia ufficialmente approvata.

Per tutte quelle famiglie che hanno almeno tre figli a carico conviventi e minori di 26 anni c’è anche la carta famiglia. Si tratta di una carta che dà diritto a sconti e agevolazioni sia per gli acquisiti fisici in negozio che per gli acquisti online. Per richiederla basta avere lo SPID (identità digitale) e inoltrare la domanda attraverso il portale dedicato.

LEGGI ANCHE >>> I ristoratori italiani si ribellano alle nuove chiusure del Governo: “Resteremo aperti”

Per questo 2021 è stato confermato anche il bonus bebè come ulteriore sostegno alle famiglie. IN questo bonus rientrano non solo i nati nell’anno in corso, ma anche gli adottati. Le condizioni sono identiche a quelle del 2020. Il valore del bonus va dagli 80 ai 160 euro al mese, il valore effettivo dipende dall’ISEE. Per il secondo figlio c’è una maggiorazione del 20%.

Altro valido aiuto è il bonus sociale che prevede uno sconto sulle utenze di luce, acqua e gas direttamente in bolletta e senza presentare alcuna domanda. A questo bonus sociale possono accedere coloro che possiedono l’intestazione di almeno un contratto di fornitura delle utenze domestiche.

L’accesso è sempre soggetto alla verifica dell’ISEE e al numero dei componenti del nucleo familiare. In più questo bonus è cumulabile con il reddito di cittadinanza e la pensione di cittadinanza.