Conto corrente cointestato, coniuge incapiente: chi scarica le detrazioni di ristrutturazione in questo caso

Facciamo chiarezza su un argomento che può risultare leggermente intrigato, sul conto corrente cointestato

Casa (Fonte foto: web)

Sono molte, le agevolazioni fiscali che si possono ottenere grazie agli interventi di recupero edilizio. La Legge di Bilancio ha prorogato tutte le agevolazioni sugli immobili, e dal 1° luglio 2020 è entrato in vigore anche il Superbonus 110%.

In tanti però, hanno ancora diversi dubbi su alcuni aspetti. Infatti, la domanda per tanti è: se il conto corrente è cointestato, chi scarica le detrazioni per la ristrutturazione se il coniuge è incapiente?

Innanzitutto, ricordiamo quanto che le spese di ristrutturazione permettono in termini di detrazione, il 50%. Il tetto massimo di spese ammesse, di cui torna la metà, è 96.000 euro. Esso è annuale e riguarda il singolo immobile comprese le pertinenze, anche se sono accatastate singolarmente.

Leggi anche>>> Inps, troppe uscite per gli aiuti Covid e poche entrate: salta tutto?

Leggi anche>>> Fisco: richiedere l’estratto di ruolo potrebbe tutelarci dai debiti col Fisco

Spese di ristrutturazione, come funzionano le detrazioni

Il calcolo della massima spesa, include anche le pertinenze insieme alla spesa dell’unità immobiliare. Quindi, rientreranno nella spesa dell’immobile su cui verranno fatti gli interventi. Per avvalerci della detrazione al 50% se il conto corrente è cointestato e il coniuge è incapiente, abbiamo bisogno di alcuni requisiti.

Secondo la normativa, potremo avvalercene, se il pagamento delle spese detraibile è effettuato tramite bonifico bancario.

Il pagamento, effettuato col cosiddetto “bonifico parlante” deve rispettare le seguenti indicazioni:

a) la causale: che indichi il riferimento normativo e i dati della fattura;

b) i dati del richiedente: nome, cognome e codice fiscale della persona che intende fruire delle agevolazioni;

c) numero fiscale o partita IVA del beneficiario.

Per avere la possibilità di dividere la detrazione, i documenti di spesa devono essere necessariamente integrati con i nominativi dei soggetti che effettuano la spesa che darà diritto alla detrazione fiscale. In più, indicare alla fine, la percentuale spettante.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Pertanto, chi in maniera materiale, sosterrà la spesa, potrà detrarla. Allora possiamo affermare che a prescindere dal conto corrente cointestato, se la fattura o ricevuta indica che il marito ad esempio, ha sostenuto la spesa al 100%, anche se il pagamento è effettuato sul conto corrente cointestato, egli potrà detrarre nella dichiarazione dei redditi, la sua spesa.