Calciatori nababbi: il più ricco non sorprende, il secondo… quasi

Cristiano Ronaldo davanti a tutti ma di calciatori paperoni ce ne sono tantissimi. Non sempre però si tratta di top player.

Calcio
Foto di 3D Animation Production Company da Pixabay

In vetta c’è Cristiano Ronaldo. Alla classifica cannonieri (per ora) e anche all’elenco di chi si porta a casa lo stipendio più lauto. Qualcosa come 31 milioni di euro percepiti nel 2019, il più alto della Serie A anche se non il più alto in assoluto (Neymar, per intenderci, ne prende 36 ma dietro ha il Psg e un magnate come al-Khelaifi). Al netto di tutti i tassi di inflazione e delle dvierse epoche, il nostro calcio non ha mai visto niente del genere. E pensare che di campionissimi ne sono transitati sui campi di casa nostra. Ma in epoche diverse appunto, tutt’altro che un dettaglio.

A fare i calcoli c’è da perderci la testa. Il concetto di top player è ormai più che abusato, considerando che anche calciatori di buona qualità ma non certo fenomeni si trovano a intascare stipendi faraonici. A guardare la nostra Serie A, ad esempio, sorprenderà che il secondo gradino del podio se lo prende un altro juventino. Dybala, Szczesny, Morata? Macché.

LEGGI ANCHE >>> Addio al romanticismo: con le cordate il calcio diventa business

LEGGI ANCHE >>> Scatto di Amazon, pronta l’offerta per sbarcare nel calcio di casa nostra

Calciatori nababbi: la classifica aggiornata

La medaglia d’argento nella specialissima classifica dei ricconi della Serie A se la prende il difensore olandese Matthijs De Ligt. Ottimo all’Ajax, una stagione di rodaggio in bianconero e sicuramente prospettive altissime. A quanto pare sufficienti per precedere, a soli 22 anni, campioni ben più affermati come il bomber dell’Inter, Romelu Lukaku, fermo a 7,5. Accanto a lui un altro interista, di grande spessore ma andato a singhiozzo in nerazzurro, Christian Eriksen. A completare il terzetto dei 7,5 c’è il romanista Edin Dzeko.

E’ curioso notare come coloro che percepiscono i compensi più alti non sempre siano i trascinatori del proprio club. A quota 7, accanto a uno come Zlatan Ibrahimovic, ci sono Alexis Sanchez e Adrien Rabiot, entrambi di sicuro talento ma finora non esattamente protagonisti assoluti coi rispettivi club. Sette milioni, più di Bonucci (6,5), li prende anche Ramsey, altro juventino. Ed è sempre la Juve a tenere banco col gruppetto dei 5 milioni: Arthur, Chiesa, Cuadrado e Morata. Oltre a Dzeko e Ibra, per trovare qualcuno che non sia nerazzurro o bianconero bisogna andare ai 6 milioni, con Donnarumma (Milan) e Koulibaly (Napoli).