Il Bonus mamme o premio alla nascita è un beneficio erogato alle mamme in gravidanza o alla nascita del bambino senza distinzione di reddito.

bonus mamme
Fonte pixabay

Il bonus mamme potrà essere richiesto in due casi:

  • in caso di gravidanza gemellare;
  •  in caso di affidamento o adozione plurimi, anche gemellari.

La presentezione della domanda, ovviamente, seguirà un iter diverso a seconda della diversa situazione in cui ricadete.

In caso di gravidanza gemellare si possono seguire due iter mentre in caso di adozione o affidamento plurimi, bisognerà seguire solo un iter. Vediamoli insieme.

La domanda può essere presentata all’Inps in due diversi momenti:

  1.  al compimento del 7° mese;
  2.   dopo il parto, a nascita avvenuta.

Nel primo caso, in esito al parto gemellare, la richiedente dovrà poi presentare un’altra domanda con le informazioni relative a tutti i gemelli. In caso di accoglimento della domanda, sarà liquidata una sola quota di 800 euro.

Le altre quote del bonus di 800 euro spettante saranno erogate per ciascun gemello dopo aver presentato la nuova domanda, a parto avvenuto. Nella domanda bisognerà quindi indicare il codice fiscale di tutti i figli.

Nel caso in cui la domanda venisse presentata dopo il parto, l’invio sarà unico, e bisognerà indicare il codice fiscale di tutti i gemelli nati.

E’ possibile fare domanda anche in caso di affidamento o adozione plurimi, e saranno previste tante quote da 800 euro quanti sono i minorenni adottati o affidati.

In base alla situazione che ricorre, è possibile selezionare l’evento:

  • “Adozione nazionale”,
  • “Adozione internazionale”,
  • “Affidamento preadottivo nazionale”,
  • “Affidamento preadottivo internazionale”.

In un’unica domanda bisognerà inserire le informazioni di tutti i minorenni adottati o affidati.

LEGGI ANCHE >>> Risparmio, il confronto tra uomini e donne: ecco chi è più parsimonioso

LEGGI ANCHE >>> Richiedere lo SPID in Posta: cosa è cambiato dal 18 gennaio

Bonus mamme: quando arriva

Per capire quando vi sarà erogato il beneficio, dopo aver presentato la richiesta all’Inps, potete verificare lo status della vostra domanda cliccando, nella sezione della vostra area personale, su “Consultazione domande”.

Se lo status della domanda risulta “protocollata”, significa che è ancora in fase di lavorazione. Solamente quando leggerete “accolta” significherà che il pagamento è ormai prossimo.

Solitamente non bisogna aspettare oltre i due mesi dalla richiesta per ricevere l’accreditodi 800 euro.