Carta Acquisti 2021: ecco come ricevere 480 euro

Il 31 dicembre 2020 il Ministero dell’economia e delle finanze ha pubblicato sul proprio portale una guida dedicata alla Carta Acquisti 2021.

carta acquisti 2021

La Carta Acquisti, è stata introdotta con Decreto legge numero 112 del 2008, ha la funzione di sostenere chi si trova in difficoltà economica, sulla base di requisiti soggettivi e patrimoniali che andremo ad esaminare.

Questa carta, funziona come un bancomat con la particolarità che lo Stato carica sulla stessa un importo di 80 euro bimestrali.

La Carta Acquisti consente di pagare le utenze luce e gas ed effettuare acquisti presso i negozi convenzionati che espongono l’apposita etichetta adesiva.

Con detta carta non possono essere effettuati prelievi in contanti.

Ma a chi spetta?

LEGGI ANCHE >>> L’Arera annuncia l’aumento delle tariffe di luce e gas: quanto spenderemo

LEGGI ANCHE >>> Truffa del sì, attenti a chi vi chiama: così vi prendono i soldi

Carta acquisti: a chi è rivolta

La Carta Acquisti può essere richiesta dai genitori di bambini di età inferiore a 3 anni e dai soggetti di età non inferiore a 65 anni in possesso

Nel primo caso, i genitori devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • Essere cittadini italiani, comunitari, extra-comunitari familiari di cittadini italiani o comunitari, ovvero titolari di diritto di soggiorno, di diritto di soggiorno permanente, del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo nonché rifugiati politici o titolari di posizione sussidiaria;
  • Essere  iscritti nell’Anagrafe della Popolazione Residente;
  • Avere ISEE inferiore a 7.001,37 euro.

Per i soggetti di età non inferiore a 65 anni in possesso i requisiti sono i seguenti:

  • Essere cittadini italiani, comunitari, extra-comunitari familiari di cittadini italiani o comunitari, ovvero titolari di diritto di soggiorno, di diritto di soggiorno permanente, del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo nonché rifugiati politici o titolari di posizione sussidiaria;
  • Essere iscritti nell’Anagrafe della Popolazione Residente;
  • Avere trattamenti pensionistici o assistenziali che, in aggiunta ai propri redditi, siano di importo inferiore a 7.001,37 euro all’anno, limite elevato a 9.335,16 euro all’anno per chi ha un’età pari o superiore a 70 anni;
  • Possedere un valore ISEE in corso di validità inferiore a 7.001,37 euro.