Basta un centesimo in meno per vendere di più. Mai come in questo caso vale la regola del mercato della caccia al ribasso, anche infinitesimale.

Marketing
Foto di Marco Pomella da Pixabay

Diversi anni fa, gli autori dei fumetti italiani furono piuttosto lungimiranti. Una vicenda singolare, in cui uno dei protagonisti più amati delle nostre vignette diventava così assuefatto dalla pubblicità da non riuscire più a resistere all’impulso di comprare qualunque cosa un semplice spot proponesse. Tanto da accaparrarsi un quintale di cibo per cani senza averne nemmeno uno. Ora, è un esempio volutamente esagerato ma non è un mistero che gli esperti di marketing facciano estremamente leva su determinati impulsi del venditore.

Istinti si potrebbe dire, quei sentori irrefrenabili che, seppur in contrasto con la logica che sconsiglierebbe di procedere all’acquisto, alla fine prevalgono andando a gravare sui nostri risparmi. Cosa succede quindi? Che in queste circostanze, l’abile venditore riesce a cogliere i punti deboli a invitarci a comprare senza nemmeno rendercene conto.

LEGGI ANCHE >>> Incentivi auto 2021, importanti novità: cosa c’è da sapere

LEGGI ANCHE >>> Regime patrimoniale di comunione dei beni: come tornare indietro

Geni del marketing, l’incredibile strategia per farci spendere di più: basta un cent

Nel 2010, a tal proposito, era venuto fuori uno studio interessante da parte di alcuni docenti esperti di marketing, i quali avevano individuato nei prezzi 0,9 un veicolo incredibile per incrementare le vendite. In realtà è un classico quasi invisibile: vedere un prodotto a 0,99 piuttosto che a 1 euro, sembra incredibile ma incide in modo significativo sulla volontà di acquistarlo.

Lo studio sosteneva proprio questo: confrontando alcuni campioni di prodotti e le percentuali d’acquisto, comparando quelli venduti a prezzo pieno e quelli a 0,9, ci si è accorti che questi ultimi erano infinitamente più gettonati. Di fatto influenzando le scelte di consumo. Anzi, vedere il prezzo ribassato (sia pure in modo infinitesimale) non solo ci porta all’acquisto ma anche a prendere più unità dello stesso prodotto. Un vero e proprio colpo di genio, a questo punto, da parte di chi vende.

Una strategia semplice ma che può portare a quanto sembra dei guadagni decisamente superiori agli standard. Una botola nascosta? Può essere, ma in fondo anche il marketing si studia. Un motivo ci sarà.