La Polizia di Stato Online ha diramato un comunicato che mette in guardia su un nuovo tentativo di truffa su Whatsapp volta a rubare gli account degli utenti

WhatsappI tentativi di truffa in rete sono ormai all’ordine del giorno. In particolar modo bisogna prestare molta attenzione a ciò che avviene su Whatsapp. Essendo una delle applicazioni più utilizzate e scaricate in assolute è anche quella presa maggiormente di mira da malviventi ed hacker.

Spesso le persone vengono prese alla sprovvista visto che le tecniche sono in continuo mutamento. A quanto pare ultimamente ha fatto capolino un altro tentativo di raggiro volto ad impadronirsi del proprio account personale.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp corre ai ripari dopo le polemiche sulla privacy: le novità

LEGGI ANCHE >>> Frenata Whatsapp, la versione di Facebook: “C’è confusione…”

Whatsapp: il comunicato ufficiale della Polizia che avvisa gli utenti della nuova truffa

La questione ha subito attirato l’attenzione della Polizia di Stato, la quale ha studiato la situazione. Grazie ad un meticoloso lavoro di ricerca è riuscita a risalire al metodo attraverso cui i criminali stanno tentando di agire.

Viene richiesto il codice di autenticazione, quello utilizzato sulla versione web per intenderci. In questo modo riescono ad impadronirsi degli account di altre persone prendendone di fatto il possesso.

A fare la differenza come al solito potrebbe essere la tempestività nell’informazione, per cui è bene comprendere al meglio le linee guida del comunicato diramato dalla Polizia di Stato Online per aiutare gli utenti a sventare il meschino tentativo di truffa. 

Impadronendosi del codice che viene inviato al momento dell’attivazione tramite SMS, i cybercriminali attivano Whatsapp su un nuovo dispositivo ma con il numero telefonico del profilo rubato. In questo modo si perde la titolarità del proprio account.

Spesso però si cade nella trappola visto che il messaggio viene recapitato da un mittente presente tra i contatti della propria rubrica. Dunque, è assolutamente necessario rimarcarlo: il codice di autenticazione non va inviato ad altri (nemmeno amici o parenti) per nessunissimo motivo.