Molti Italiani hanno rinunciato all’attivazione del cashback in relazione alle diverse problematiche che via via sono sorte. Vediamo quali.

Cashback di Natale: quando arriveranno i soldi dei rimborsi?
Cashback di Natale (Fonte foto: web)

Dall’ 8 dicembre, giorno di partenze del cashback, al 31 dicembre, giorno di fine sono state molte le polemiche relatiche a questo beneficio. In particolare, le problematiche più comuni che sino innescate sono state quelle relative all’inserimento degli strumenti di pagamento nell’App IO, le modalità di rimborso e il blocco dei sistemi per eccesso di registrazioni.

La polemica più grossa è sorta, nel periodo che va he va dal al 31 dicembre al 10 gennaio, con la perdita di moltissime operazione che non sono state registrate a sistema impedendo, quindi, la ricezione del rimborso sulle operazioni non registrate. Per altri la mancata registrazione delle operazioni ha impedito di arrivare alla soglia minima di transazione per ricevere il rimborso.

LEGGI ANCHE >>> Attacco hacker a conto corrente: attenzione, rubati 1500 euro

LEGGI ANCHE >>> Vendere i propri capelli: il business che ti farà guadagnare un sacco di soldi

Quali sono i problemi riscontrati con il cashback di Natale? I numeri

Coloro che hanno fatto, nel mese di dicembre, le 10 operazioni minime previste hanno ricevuto il rimborso. Sono stati infatti rimborsari oltre 222,6 milioni di euro a più di 3,2 milioni di italiani.

Il problema fondamentale è che, però, gli iscritti al programma  non erano 3,2 milioni ma 5,87 milioni. Ciò implica che, andando ad esclusione, non tutti hanno ricevuto il rimborso.

Si sottolinea che la data per ricevere il rimborso è stata prorogata al 1 marzo 2021.

Di queste soggetti, soltanto il 3,1% delle persone ha ricevuto 150 euro, ovvero il massimo previsto per il mese di sperimentazione della misura. ha ottenuto un rimborso compreso tra 100 e 149 euro, il 14,5% dei partecipanti. Il 49,6% ha ricevuto un rimborso tra 50 e 99 euro mentre il restante 32,8% ha ottenuto un rimborso inferiore ai 50 euro.

Altro problema è quello relativo ai limiti di stanziamento. Il decreto attuativo MEF, aveva fissato un budget per i riborsi pari a di 227,9 milioni di euro.

Stando a quanto precedentemente detto questa cifra non basterà per tutte le erogazioni dei rimborsi. Cosa accadrà quindi?

Che se detto budget verrà sforato, il rimborso spettante sarà nettamente e proporzionalmente ridotto.