Un hacker si è insinuato nel conto corrente di uno sfortunato utente, riuscendo a sottrarre ben 1490 euro. Ecco cosa è successo.

Acquisti online siti truffa
Fonte: Pixabay

Grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie siamo ormai tutti abituati ad essere sempre connessi, riuscendo in questo modo a comunicare facilmente con persone e aziende che si trovano in ogni angolo del pianeta. A partire dalle e-mail, passando per i siti, fino ad arrivare ai social network, d’altronde, sono tanti gli strumenti a nostra disposizione. Oltre agli innumerevoli vantaggi, però, bisogna prestare la massima attenzione alle possibile insidie.

Sempre più frequentemente, purtroppo, è possibile imbattersi in delle truffe, attraverso le quali dei malintenzionati cercano di accedere ai dati del malcapitato di turno, riuscendo in questo modo a portare a termine il loro tentativo di frode. Lo sa bene un cittadino asolano che dopo essere caduto nella trappola del phishing si è visto sottrarre ben 1490 euro dal suo conto corrente. Ecco cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> Carta di credito o bancomat, attenti a questi siti: altissimo rischio truffa

LEGGI ANCHE >>>  Acquisti online, attenti alla truffa: in questo modo vi rubano i soldi

Attacco hacker a conto corrente: utilizzata la tecnica del phishing

Hacker SolarWinds
Foto di B_A da Pixabay

Lo scorso 15 gennaio si è conclusa un’attività info investigativa dei Carabinieri di Asola alle prese con un hacker informatico che lo scorso luglio 2020 era riuscito ad alterare il funzionamento dell’home banking di un cittadino asolano. In questo modo, infatti, è riuscito ad insinuarsi nel suo conto corrente, sottraendo ben 1490 euro. Per riuscire a mettere in atto la truffa, l’hacker ha utilizzato la cosiddetta tecnica del phishing. Quest’ultima, ricordiamo, consiste nell’invio di un messaggio, generalmente tramite e-mail, con grafica e contenuti simili a quelli di una istituzione conosciuta dal destinatario, come ad esempio la sua banca.

Tale messaggio presenta avvisi inerenti presunti problemi sul conto corrente, invitando il malcapitato di turno a cliccare un link e fornire dati personali. Proprio quest’ultimi vengono in seguito utilizzati dal truffatore per riuscire a mettere a segno la sua truffa. Un tentativo di frode che, purtroppo, ha visto coinvolto un asolano, che ha scoperto di essere stato derubato dopo aver letto l’estratto conto. A quel punto si è rivolto immediatamente ai carabinieri che sono così riusciti a risalire al profilo di un diciannovenne che, nonostante la sua giovane età, aveva già colpito altri utenti.