Read Later, arriva una nuova opzione per gli utenti di Whatsapp. Per quelli rimasti, più che per quelli che sono andati via. Vediamo a cosa serve.

Whatsapp
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Non è solo paura e aggiornamenti criptici Whatsapp. La principale app di messaggistica istantanea, infatti, dopo i giorni difficili vissuti a causa del messaggio che chiede l’accettazione di una nuova normativa per la privacy, si appresta a varare una nuova funzione. Tanto attesa quanto da scoprire nella sua reale utilità. Read Later: “leggi in ritardo” o “leggi dopo”. Ovvero, un buon modo per stare tranquilli qualche minuto in più, da non impiegare nel sistemare l’archivio o le miriadi di chat.

Di fatto, proprio di archivio si tratta. Un sostituto per intenderci, che migliora la funzionalità del silenziatore e sposta i vari messaggi appunto nella casella di immagazzinamento Read Later. Con la facoltà anche di andare a rivederli, senza gettarli alle ortiche.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp, attenti alla privacy: ecco come proteggere le proprie chat

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp ha fatto il gioco di Telegram: 25 milioni di download in 3 giorni

Whatsapp oltre la tempesta: pronta una nuova funzione, ecco a cosa serve

Spostarli, ritardarne la lettura, solo se nel momento in cui arrivano non si ritiene opportuno aprire la chat e guardarli. In un secondo momento, sarà possibile tornarci sopra, dar loro un’occhiata in tutta tranquillità, con la consapevolezza di aver archiviato il tutto senza aver ricevuto il fatidico “dlin” che annuncia l’arrivo del messaggio.

Una mossa, forse, che Whatsapp tenta per recuperare terreno rispetto ad altre app quali Signal e Telegram che, negli ultimi giorni, sono state parecchio ricercate dagli utenti, non proprio convinti di poter accettare tranquillamente le nuove condizioni poste dall’azienda che fa capo a Facebook. A ben vedere, però, più che un richiamo per i vecchi che hanno salutato, Whatsapp sembra pensare a coloro rimasti in sella al bue da rodeo. Più coraggiosi o più esperti? Lo dirà il tempo. Certo è che il nodo gordiano del messaggio d’aggiornamento somiglia più a un qui pro quo che a un vero problema.