L’Agenzia delle Entrate, dopo un periodo di pausa dovuto alla crisi sanitaria, torna a battere cassa: pioggia di cartelle esattoriali in arrivo

agenzia dell'entrate ristori quater

L’Agenzia delle Entrate dal 18 gennaio 2021 tornerà a battere cassa. Pioggia di cartelle esattoriali in arrivo dunque per i contribuenti, che saranno tenuti a regolarizzare la propria posizione nei confronti del Fisco dopo la sospensione approvata fino a fine 2020, a causa della crisi sanitaria.

L’attività esattoriale riprenderà  a pieno regime a partire da lunedì 18 gennaio 2021. Il 31 dicembre 2020 è scaduto il termine ultimo della sospensione dei pagamenti al Fisco.

LEGGI ANCHE >>> Agenzia delle Entrate: il 23 gennaio, blocco totale per due ore delle attività

LEGGI ANCHE >>> A cosa serve la fattura elettronica se poi il Fisco, in sede di verifica, vuole il formato cartaceo?

L’Agenzia delle Entrate torna a battere cassa: milioni di cartelle esattoriali in arrivo

La fine della sospensione straordinaria, avrà come effetto l’invio di ben 50 milioni di atti e di cartelle esattoriali. La notifica riguarderà tutti i contribuenti che hanno una posizione debitoria nei confronti dell’Erario, compresi coloro che hanno usufruito della moratoria per il Covid.

35 milioni sono gli atti di riscossione (cartelle, ipoteche, fermi amministrativi) sospesi nel corso del 2020 a causa della moratoria.

Dopo l’invio dei milioni di cartelle, il Governo potrebbe comunque correre ai ripari con una rottamazione straordinaria che potrebbe rientrare nel decreto Ristori 5.

Tra le misure alle quali il governo sta pensando per aiutare lavoratori e imprese, ci sono la pace fiscale e la possibilità di pagare i propri debiti all’Erario tramite un piano a rate e il saldo e stralcio.